La galassia più lontana mai scoperta

Si trova a oltre 13 miliardi di anni luce da noi: è una finestra sull'origine dell'Universo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-10-2013]

ArtConcept small

È la galassia più lontana da noi mai individuata: si trova a oltre 13 miliardi di anni luce di distanza, si chiama z8_GND_5296 ed è stata scoperta dall'astronomo Steven Finlekstein, dell'Università del Texas a Austin.

Poterla studiare equivale a dare un'occhiata nel passato: dalla nostra posizione la vediamo come appariva appena 700 milioni di anni dopo il Big Bang.

«Ci piace studiare il modo in cui siamo giunti all'esistenza: esseri umani, civiltà, società, galassie. Quando si osservano galassie lontane, le cose appaiono molto diverse. Guardare galassie così distanti è come vedere un film su come s'è formato l'Universo» spiega Finkelstein. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3889 voti)
Leggi i commenti (53)
La scoperta si deve ai dati raccolti dal telescopio spaziale Hubble e dal telescopio Keck I, che si trova nelle Hawaii. La distanza è stata confermata proprio grazie a Keck I e all'uso della spettroscopia, ossia misurando lo spostamento verso il rosso delle lunghezze d'onda della luce emesse dalla galassia.

«È difficile trarre conclusioni ampie basandosi su una sola galassia, ma questo particolare oggetto è sorprendente» continua l'astronomo.

A interessare gli studiosi è il ritmo di formazione delle stelle riscontrato nella galassia z8_GND_5296, 150 volte superiore a quello misurato nella Via Lattea.

CANDELSfield small
La galassia individuata da Hubble
SFinkelstein portrait
Steven Finkelstein

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Hubble trova la galassia più vecchia finora conosciuta
La galassia più lontana mai osservata
MIT, la storia dell'Universo diventa un video
Scoperti due nuovi pianeti fratelli della Terra
Scoperta l'età della Via Lattea
Il buco nero in alta definizione
Buco nero divora in diretta una gigante rossa
Foschia e nubi fredde permeano la Via Lattea

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste previsioni ritieni che diventerà realtà per prima?
Si potranno trapiantare organi di ricambio cresciuti in laboratorio.
I computer svilupperanno capacità creative, riuscendo a creare vere opere d'arte senza intervento umano.
Il teletrasporto delle persone diventerà realtà.
Su Marte e sui pianeti abitabili si costruiranno colonie nelle quali si potrà vivere per lunghi periodi.
Riusciremo a controllare il tempo atmosferico, cancellando siccità, inondazioni e catastrofi naturali.

Mostra i risultati (2026 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics