Patuano congela scorporo rete e separazione call center

Il Consiglio di amministrazione di Telecom Italia per ora non spezzetta l'azienda e decide di vendere Telecom Argentina.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-11-2013]

patuano telecom italia

Niente scorporo della rete e nessuna collocazione dei call center in un'azienda separata, almeno fino a marzo-aprile 2014, come Telecom Italia si era impegnata a fare con i sindacati. L'azienda intende, invece, garantire una separazione funzionale e organizzativa della rete come richiesto dall'Authority per le Comunicazioni.

Questa è la decisione del primo Consiglio di amministrazione di Telecom Italia dopo le dimissioni di Franco Bernabè da Presidente: è anche il primo dell'era Patuano con pieni poteri. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
Sì, ma in azienda non me lo permettono.
No.
Sì, ma solo alcuni giorni alla settimana.
Sì, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2413 voti)
Leggi i commenti (17)
Il Consiglio di amministrazione ha deciso ugualmente di fare cassa mettendo in vendita Telecom Argentina, per cui ci sarebbe già una proposta di acquisto. Non viene toccato il gioiello del gruppo, cioè Tim Brasile.

Per il 2014 non è prevista la distribuzione dei dividendi agli azionisti: un'alternativa "light" all'aumento di capitale che secondo il management di Telecom Italia non sarebbe necessario per i prossimi 24 mesi, stante l'attuale liquidità per 13 miliardi di euro.

Una società per le torri della rete in Italia e all'estero da vendere completano il quadro, insieme all'impegno di portare la banda larga almeno al 50% della popolazione entro il 2016.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Tim, lo scorporo della rete è imminente ma minaccia la trattativa per gli esuberi
Call center in sciopero, la Rete si mobilita
Goodbye Telecom, il caso Telecom Italia spiegato per tutti
Il declassamento di Telecom Italia e quello di Alitalia
Bernabè lascia, forse Sarmi al suo posto
Telecom Italia e lo scorporo della rete dopo Telefónica
Telecom Italia: bye bye, Italia
Bernabè pretende che lo Stato paghi lo scorporo della Rete
Telecom Italia accelera sullo scorporo della rete
Telecom Italia: vendi la rete e poi muori
Quando il censore è digitale

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1256 voti)
Ottobre 2020
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Tutti gli Arretrati


web metrics