Governo australiano finanzia serie Tv distribuita via Torrent

Airlock dimostra che BitTorrent non è sinonimo di pirateria.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-11-2013]

airlock bittorrent

L'Australia non è un Paese in cui il peer to peer abbia vita facile; il protocollo BitTorrent, in particolare, è sempre stato oggetto di una pubblicità negativa.

Ora però le cose sembrano essere cambiate. Il Governo Federale ha infatti deciso di contribuire con 350.000 dollari nella produzione di una serie televisiva di fantascienza distribuita via BitTorrent.

La serie in questione si chiama Airlock ed è ambientata tra una stazione spaziale isolata e un'astronave abbandonata.

Si tratta della seconda produzione della Distracted Media di Julian Harvey ed Enzo Tedeschi, che nel 2010 realizzarono il film The Tunnel, finanziato col crowdfunding e distribuito in collaborazione con BitTorrent Inc (e che alla fine interessò anche la Paramount).

Le riprese inizieranno l'anno prossimo e Screen Australia - la commissione che gestisce i finanziamenti governativi ai film australiani - ha già garantito lo stanziamnto dei 350.000 dollari.

Sondaggio
Dove guardi le tue serie Tv preferite?
Alla TV
Sul PC
Sul tablet
Sullo smartphone

Mostra i risultati (2395 voti)
Leggi i commenti (12)

Enzo Tedeschi spiega: «Siamo stati in trattative con vari dipartimenti di Screen Australia sin dal rilascio di The Tunnel. A loro merito occorre dire che alcuni di loro ci hanno contattato per capire che cosa avessimo fatto e perché».

Il primo mezzo di distribuzione di Airlock sarà BitTorrent, anche se ancora non ci sono accordi con BitTorrent Inc.

L'esperienza di The Tunnel ha mostrato ai due autori come la strada non sia tutta in discesa: la scelta di BitTorrent per la distribuzione ha causato reazioni negative da parte dei canali tradizionali, come il rifiuto da parte di diversi rivenditori di ospitare i DVD nonostante questi avessero il supporto di Paramount. L'articolo continua dopo il video.

Perché quindi insistere con BitTorrent? Tedeschi fornisce la motivazione: «Dato che in Australia la pirateria è così diffusa, la spaventosa parola che inizia per T è spesso un problema politico - per così dire - dal punto di vista dell'industria televisiva e cinematografica».

«Far finanziare Airlock da Screen Australia adottando una strategia di distribuzione via torrent e senza alcun altro partner tradizionale è molto importante per noi. È quasi una vendetta per gli ultimi due anni, dimostra che la gente stava ascoltando» conclude Enzo Tedeschi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le parole sono importanti, quelle dei pirati di più
Regista di film a luci rosse fa scherzone ai pirati
Torrent su tablet o smartphone? Facile con Streamza
BitTorrent e il dilemma del pirata
Da BitTorrent a YouTube, i responsabili del traffico Internet mondiale
BitTorrent Live apre al webcasting in tempo reale

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (376 voti)
Aprile 2021
Cerca un sicario nel dark web per sfregiare la fidanzata
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 aprile


web metrics