Condannato per aver definito cocainomane un cocainomane

È successo a un cronista milanese che ora rischia sette mesi di carcere, senza la condizionale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-12-2013]

cocaina

Luca Fazzo è un cronista del quotidiano Il Giornale che rischia di andare in galera come era successo al suo direttore Sallusti, poi graziato con commutazione della pena in una multa dal Presidente Napolitano.

Il tribunale di Milano lo ha condannato a sette mesi di carcere senza la condizionale: una pena che rischia di scontare se questa verrà confermata in appello. Da notare che la Procura aveva chiesto solo una pena pecuniaria. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3671 voti)
Leggi i commenti (20)
Per il giudice, Fazzo è colpevole di diffamazione aggravata per aver definito, in un articolo del 2010, un frequentatore di discoteche milanesi coinvolto nell'indagine sulle discoteche della stessa città - e condannato poi a sei mesi per spaccio di droga dallo stesso tribunale - «accanito cocainomane».

A stonare è il fatto è che il giornalista si era basato su un verbale giudiziario in cui questa persona stessa dichiarava al giudice: «Sono consumatore da quattro anni di cocaina e negli ultimi anni ne consumo parecchia, anche dalle due alle quattro volte alla settimana».

Si tratta insomma di una situazione opposta a quella per cui fu condannato Sallusti: lì il giornale da lui diretto (neanche lui stesso) avrebbe diffamato un giudice per una sentenza non condivisa; qui si tratta di una persona condannata da un giudice.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Facebook, offendere è diffamazione, anche senza fare nomi
Piadineria multata per iPad a disposizione dei clienti
''Il vino è avariato'', dopo la recensione arriva la querela
Prendere in giro un ministro costa 40.000 euro
Quando Farina un po' offeso scrisse a Zeus News
Il caso Sallusti
Sallusti come le Pussy Riot

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 32)

x mda: ovvio! del resto il Farsi non era arabo ma uno slang di cui troviamo traccia anche nei nostri dialetti più "mediterranei". Quanto all'inglese, non solo l'americano usa è già una lingua a sé, ma è pure diversificata a casa propria, tant'è che i colored, i cinesi, i portoricani e pure gl'italiani di 3^ generazione -per... Leggi tutto
14-12-2013 23:00

Verissimo, ma non sarà inglese: Oramai ci sono posti in Asia e in Africa in cui parlano una lingua nuova il FrancoInglese che è l'unione di lessici e regole del francese e inglese. Lo stesso inglese, poi, è differente da zona ad zona, esempio l'inglese USA è differente da quello Canadese, Inghilterra, Australia, ecc.. Ciao Leggi tutto
12-12-2013 22:03

ma sì gladiator, l'italiano medio è ossequioso con il potere di turno, per tirare accampà, non dico ora con molti drammi fino al suicidio ma in senso civico siamo sempre stati carenti e di tanto altro, come popolo, avremo altre qualità, ma quella, in genere assai poca. in I il furbetto l'abile a sgusciare è, consapevolmente o meno,... Leggi tutto
12-12-2013 11:28

Ormai, complice l'internet, stiamo aggiungendo qualche migliaio di lemmi ogni anno. E quando i nostri nipoti saranno adulti, anche l'inglese sarà diventano una specie di Farsi moderno, che come l'antico sarà parlato dalla Cina al medio oriente e tutta l'area mediterranea. [...] Leggi tutto
11-12-2013 23:43

Se ci stai a fare uno scambio equo e solidale, ho qualche tons di carta stampata che sta lì a prender polvere :-( [...] Leggi tutto
11-12-2013 23:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1304 voti)
Febbraio 2020
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Tutti gli Arretrati


web metrics