Iron Maiden, Musicmetric smentisce tutto

Concerti Iron Maiden per i pirati del Torrent? Una bufala.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-01-2014]

iron maiden giovani

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Concerti Iron Maiden per i pirati del torrent? Una bufala

Scusandosi e rettificando l'articolo originale, CiteWorld ha spiegato che il collegamento tra gli Iron Maiden e i dati di Musicmetric, in realtà, è tutt'altro che certo.

La coincidenza è naturalmente evidente, tuttavia sito e gruppo non hanno mai collaborato per decidere le tappe del tour; anzi, è probabile che gli Iron Maiden non fossero a conoscenza dei dati di Musicmetric, almeno fino a che la vicenda non è diventata tanto popolare. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2167 voti)
Leggi i commenti (7)
«La storia di CiteWorld, disgraziatamente, non ha fondamento. Non abbiamo mai affermato né implicato che gli Iron Maiden abbiano usato i nostri dati per pianificare i tour» ha quindi scritto un portavoce di Musicmetric, chiudendo definitivamente la questione.

È un peccato, naturalmente, che le cose siano andate così, perché le premesse per una storia vera c'erano tutte: come già sostenevamo all'inizio, è provato che i pirati sono anche i migliori acquirenti; se un gruppo decidesse di agire di conseguenza per sfruttare questo fenomeno, anziché limitarsi alla repressione, il suo comportamento potrebbe essere definito come coraggioso e forse persino lungimirante.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)


Non credo che una notizia come questa, se fosse vera, incontrerebbe il favore delle major, anzi farebbero di tutto per smentirla o farla smentire... Meditate gente... meditate. :?
3-1-2014 15:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1992 voti)
Marzo 2020
Windows 10, l'aggiornamento causa problemi di connessione
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics