Apple nega: "Nessuna backdoor sull'iPhone"

L'azienda di Cupertino nega ogni coinvolgimento con la NSA



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-01-2014]

iphone nsa1 backdoor

C'è anche Apple tra le aziende citate dal settimanale tedesco Der Spiegel come "collaboratrici" della NSA.

Si tratta di società che avrebbero permesso all'agenzia statunitense di inserire backdoor sui loro prodotti, garantendo così l'accesso e la possibilità di spiare gli utenti.

La situazione di Apple è particolarmente complicata perché un ricercatore che si occupa di sicurezza informatica, Jacob Applebaum, ha affermato allo scorso Chaos Communication Congress (tenutosi ad Amburgo alla fine di dicembre) che sin dal 2008 la NSA avrebbe accesso a iOS per spiare gli utenti di iPhone.

Grazie al programma Dropoutjeep la NSA sarebbe stata in grado di ottenere le email, gli SMS e i messaggi vocali, ma anche ottenere informazioni sulla posizione e attivare il microfono e la fotocamera.

Secondo Applebaum l'unico modo in cui la NSA sarebbe stata in grado di ottenere un controllo così completo sugli iPhone è che Apple stessa abbia collaborato, sebbene la possibilità che l'Agenzia abbia sfruttato una falla nell'iPhone di prima generazione (ossia quello in commercio nel 2008) non possa essere completamente esclusa.

Sondaggio
Secondo te qual è tra questi il miglior smartphone del momento? Confronta i risultati con quelli del sondaggio successivo primavera/estate 2014)
Apple iPhone 5C - 3.3%
Apple iPhone 5S - 17.8%
BlackBerry Q10 - 1.0%
BlackBerry Z10 - 1.1%
HTC One - 9.6%
LG Optimus G Pro - 1.3%
LG G2 - 6.6%
Motorola Moto X - 1.9%
Nokia Lumia 925 - 3.1%
Nokia Lumia 1020 - 7.2%
Samsung Galaxy Note 3 - 16.1%
Samsung Galaxy S4 - 31.2%
  Voti totali: 2513
 
Leggi i commenti (4)

Dal canto proprio, la società di Cupertino respinge ogni accusa di complicità: in un comunicato Apple ha affermato di non aver mai avuto a che fare con la NSA per l'installazione di una backdoor sull'iPhone.

«Apple non ha mai collaborato con la NSA per creare una backdoor su nessuno dei nostri prodotti, compreso l'iPhone. Inoltre, non siamo a conoscenza di questo programma che permetterebbe alla NSA di spiare i nostri prodotti. Abbiamo molto a cuore la privacy e la sicurezza dei nostri utenti» ha dichiarato l'azienda.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Certo chi è che avrebbe risposto si lo sappiamo e lo abbiamo fatto per la sicurezza nazionale o perché ci siamo stati costretti dal governo??? :roll: Ne Apple ne alcuna altra azienda potrebbe mai ammettere una cosa del genere anche se è vera e, molto probabilmente, lo è... :twisted:
4-1-2014 11:49

{Rino Ache}
Si vabbè, è come chiedere all'oste se il suo vino è annacquato, la verità non la sapremo mai.
2-1-2014 23:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2839 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 novembre


web metrics