C'è vita su Marte, la Nasa avrebbe nascosto le prove

Quella che l'agenzia americana identifica come una roccia sarebbe in realtà un fungo. L'accusa di uno scienziato americano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-01-2014]

foto opportunity confronto

La NASA sta nascondendo le prove della presenza di vita su Marte: per questo motivo uno scienziato ha deciso di fare causa all'agenzia spaziale americana e ristabilire la verità.

Detta così, la notizia sarebbe davvero sensazionale. Andando però un po' più a fondo, le cose sembrano stare in maniera decisamente diversa.

Innanzitutto lo scienziato in questione, Rhawn Joseph, non è un astronomo, o un astrobiologo, ma un neuropsicologo noto per le sue idee - definite "eccentriche" anche da Wikipedia - circa l'origine della vita sulla Terra.

Il dottor Joseph è un sostenitore della panspermia, convinto che la vita sia arrivata sul nostro pianeta, circa 700 milioni di anni dopo la formazione di questo, trasportata da meteoriti e asteroidi sotto forma di "semi cosmici" (delle molecole organiche, per esempio).

È evidente che, prendendo per buona questa teoria, la logica conseguenza è che come s'è sviluppata sulla Terra così la vita può essersi sviluppata anche altrove, a patto di trovare le condizioni adatte.

Marte, per esempio, è da moltissimo tempo ritenuto il candidato ideale nonché unico, all'interno del nostro sistema solare, a ospitare o ad aver ospitato in un passato più o meno remoto la vita: sarebbe un buon posto in cui far "attecchire i semi".

Sondaggio
Trovata l'acqua su Marte. E la vita? Secondo te su Marte...
C'è stata vita, sotto forma di batteri.
C'è stata vita intelligente.
C'è vita, ma solo unicellulare.
Non c'è mai stata alcuna forma di vita.
Ci sono impianti e costruzioni aliene.
Nessuna delle risposte precedenti è corretta.

Mostra i risultati (3958 voti)
Leggi i commenti (29)

Se a questa panoramica si aggiunge un fatto capitato di recente proprio su Marte e che ha lasciato un po' perplessi gli scienziati della NASA, si capisce perché il dottor Joseph sia partito in quarta contro l'agenzia.

Il fatto è questo: la sonda Opportunity, come da contratto, lo scorso 26 dicembre ha scattato delle foto di una particolare zona di Marte. Dodici giorni dopo, all'incirca nello stesso posto, ne ha scattate delle altre, immortalando un "qualcosa" che prima non c'era.

Gli astronomi della NASA, pur meravigliandosi della cosa, hanno ipotizzato che si trattasse di un meteorite caduto in quel lasso di tempo o, più probabilmente, di una roccia che Opportunity stessa aveva spinto via mentre faceva una sorta di "piroetta" per riposizionarsi.

Il dottor Joseph, invece, innanzitutto ha accusato la NASA di mancanza di curiosità - quando in realtà invece gli scienziati hanno lavorato sulla questione, arrivando a concludere che si tratti proprio di una roccia spostata dal rover e che ha finito per capovolgersi - e poi ha avanzato la propria ipotesi: ritiene infatti che si tratti di un fungo, per la precisione di un esemplare analogo ai membri della terrestre divisione Ascomyta. L'articolo continua dopo il video.

Sulla vicenda - diventata particolarmente nota dopo che il dottor Joseph ha deciso di adire le vie legali per costringere la NASA ad approfondire la questione - sono intervenuti in molti: tra questi è da segnalare PZ Myers, famoso biologo e blogger dallo stile un po' caustico, che si è divertito a smontare le ipotersi di Rhawn Joseph.

Su una cosa però il dottor Joseph ha ragione: la roccia che voleva essere un fungo è davvero «qualcosa di diverso da qualunque cosa abbiamo visto prima» come ha dichiarato la NASA, poiché ha «una strana composizione» (molto zolfo, con alte concentrazioni di manganese e magnesio: l'hanno rivelato gli strumenti di Opportunity) e, se davvero è stata ribaltata dal rover, «ciò che vediamo è il lato inferiore di una roccia che non vedeva l'atmosfera marziana forse da miliardi di anni», il che, a pensarci, è già abbastanza affascinante.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Nasa: ossigeno da Marte e acqua dalla Luna
India, missione Marte low cost
Il progetto di colonia sotterranea su Marte
Pene su Marte, pena sui giornali
Atterraggio su Marte il 6 agosto
Sette minuti di terrore per scendere su Marte
Guardatevi intorno. Siete su Marte
Marte, segnali di vita

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

allora, risolto il problema: si tratta di un pezzo di roccia che Opportunity ha rotto mentre ci passava sopra. È stata trovata anche la roccia - madre. Interessante la composizione di pinnacle island, la roccia in questione, ricca di zolfo e manganese e chiaramente di origine sedimentaria. nessun alieno birichino....
16-2-2014 08:57

no, direi di no.... insisto che una volta che hai messo in giro la foto non puoi fare niente per bloccare lo schiamazzo... e anzi, la NASA sta facendo di tutto per trovare eso-vita.... no, non corriamo questo rischio.. Leggi tutto
5-2-2014 21:44

la NASA sta pianificando una serie d movimenti di Opportunity per cercare di capire meglio che cosa sia 'sto coso.. comunque bel decimo anniversario per il simpatico rover...
5-2-2014 21:41

@mda Sei tu in un non senso. Se credi in un universo creato da Dio, credi anche che sia l'unico Dio e che tutto ciò che puoi trovare nell'universo è opera sua. E credi anche che Dio non è tenuto a venire a spiegarti tutto per filo e per segno e non lo fa. Altrimenti, avrebbe creato l'uomo con la scienza infusa. Non fare confusione con... Leggi tutto
5-2-2014 16:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2071 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics