Lo scaldabagno col Wi-Fi

Produce istantaneamente acqua calda e permette di risparmiare fino al 40% di energia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-02-2014]

scaldabagno wifi

Si chiama Heatworks Model 1 ed è uno scaldabagno dalla concezione talmente rivoluzionaria da aver attirato immediatamente l'attenzione, tanto da far superare il doppio dell'obiettivo della campagna di raccolta fondi su Kickstarter per la sua realizzazione ben nove giorni prima della scadenza.

Le sue promesse sono in effetti davvero interessanti: i suoi inventori sostengono che adottandolo si riesca a risparmiare il 40% dell'energia e il 10% dell'acqua, pur avendo un flusso continuo e immediato di acqua calda. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual Ŕ il tuo linguaggio di programmazione preferito?
C
Java
PHP
JavaScript
C#
Visual Basic .NET
C++
Perl
Python
Ruby

Mostra i risultati (2829 voti)
Leggi i commenti (18)
Non dispone di un serbatoio ma utilizza elettrodi di grafite che «sfruttano la resistenza dell'acqua per scaldarla» e misura la temperatura dell'acqua 60 volte al secondo, scegliendo tra 500 diversi livelli di energia per regolare istantaneamente la temperatura consumando il minimo possibile.

Inoltre dispone di connettività Wi-Fi per permettere agli utenti di controllare il funzionamento dell'unità anche da remoto.

Dato che la raccolta fondi è decisamente andata a buon termine non resta che aspettare di vedere Heatworks Model 1 sul mercato.

Qui sotto, il video di presentazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)


{Andrea}
Salvo, a me sembra di aver capito che sia in grado di adattarsi a tutti i tipi di tensione (da 100 a 277 V) e cicli (da 50 a 60 Hz) con una potenza risultante che automaticamente può andare di conseguenza da un minimo di 1,5 KW - abbastanza standard per uno scaldabagno elettrico - ad un max (evidentemente ed eventualmente per usi... Leggi tutto
11-2-2014 15:08

Si rischia di spendere soldi in costosi e problematici sistemi di accumulo dell'energia elettrica (=batterie) per rimuovere sistemi semplici ed abbastanza efficienti come i boiler. Troverei molto pi¨ interessante un sistema che mi consenta di scaldare l'acqua del boiler con l'energia in eccesso prodotta dai pannelli FV
9-2-2014 22:54

L'idea di riscaldare l'acqua con questo sistema non e' certamente nuova (probabilmente l'idea e' l'applicazione dello scaldabagno domestico) ma, come gia' fatto notare, occorre un signor contratto di fornitura di energia e l'impianto elettrico correttamente dimensionato :shock: Inoltre sarebbe da verificare se tale dispositivo puo'... Leggi tutto
9-2-2014 13:50

{Salvo}
Non capisco... su kickstarter se non ho capito male sto aggeggio riscalda l'acqua a 240V con 48 Ampere... ora se non ricordo male la potenza si ottiene come P = V x I quindi ben 11kW! In Italia il massimo è 3kW mi pare quindi nemmeno a pensarci a metterne uno per rubinetto... so pazzi?
8-2-2014 18:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Negli spazi per i commenti alle notizie, in che modo si comportano i maggiori siti di informazione online?
Sono eccessivamente censori. Se i loro articoli subissero lo stesso trattamento, accuserebbero di dittatura.
Mostrano una spudorata tendenza a privilegiare i commenti favorevoli alle loro linee editoriali.
Si limitano alle normali regole del vivere civile e delle leggi in vigore.
Danno importanti spazi e a volte dovrebbero contenere gli "ardori" dei commentatori con maggiore decisione.
Sodoma e Gomorra! Va bene la libertÓ d'opinione ma c'Ŕ un limite a tutto.

Mostra i risultati (1459 voti)
Marzo 2023
iPhone 15, addio alle SIM anche in Italia?
Hyundai: i touchscreen nelle auto sono pericolosi
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Sfida su TikTok costringe ad aggiornare 8 milioni di auto
Windows 11 è praticamente uno spyware
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 marzo


web metrics