Videogioco milionario ritirato dal mercato per il troppo successo

L'incredibile storia di Flappy Bird, gioco mediocre ma che faceva guadagnare al suo creatore migliaia di euro ogni giorno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-02-2014]

FlappyBird

Cinquantamila dollari (circa 36.000 euro) al giorno: tanto Flappy Bird, videogioco per iOS e Android, fruttava al suo creatore.

Verrebbe quindi da chiedersi perché Dong Nguyen - questo il nome dello sviluppatore vietnamita che l'ha creato - abbia deciso di eliminare il gioco sia da iTunes che dal Play Store.

Per capirlo bisogna ripercorrere rapidamente la storia di Flappy Bird, nato da un'idea avuta da Dong lo scorso aprile e trasformatasi nel gioco Flap Flap, approvato in appena due giorni per l'apparizione sull'App Store.

La meccanica del gioco - poi ribattezzato col nome attuale poiché esisteva già un'app con quel nome - era semplice ma frustrante: si trattava di far svolazzare un uccellino toccando lo schermo dello smartphone o del tablet, facendogli allo stesso tempo evitare gli ostacoli presenti nella forma di tubi verdi somiglianti a quelli resi celebri da Super Mario Bros.

All'inizio, Dong Nguyen si è goduto l'inaspettato successo, che proprio non si aspettava: riteneva d'aver creato soltanto un mini-game da giocare nei momenti di relax.

Non aveva tenuto conto che i giocatori sarebbero diventati incapaci di staccarsi da Flappy Bird e che, contemporaneamente, sarebbero stati frustrati a più riprese dalla difficoltà del gioco.

Sondaggio
Qual è il tuo tipo di videogioco preferito?
Arcade
Avventura
Azione
FPS
Gestionale
Gioco di ruolo
Guida
Party game
Picchiaduro
Platform
Puzzle
Rhythm game
Serious game
Simulazione
Sportivo
Strategia

Mostra i risultati (1385 voti)
Leggi i commenti

Il fenomeno è in seguito precipitato. Lo sviluppatore ha iniziato a ricevere email e tweet di persone adirate che lo accusavano di averli privati di una vita sociale, per non parlare dello stress causato dall'incapacità di avanzare nel videogame.

Il fatto è che, avendo inteso creare solo una piccola distrazione, Dong non era preparato a tutto questo: né alle montagne di soldi arrivategli né - soprattutto - allo stress derivante degli insulti a lui indirizzati. Come se fosse il colpevole del fatto che qualcuno non faceva letteralmente altro che giocare per tutto il giorno.

flappy ebay

Dong Nguyen non si sente un imprenditore, né il suo scopo è accumulare denaro. Tutto quello che vuole è continuare a fare lo sviluppatore indipendente di videogiochi, non sottoporsi allo stress derivante dal gestire una vicenda così complicata.

«Flappy Bird è diventato un prodotto che dà dipendenza. Credo che sia diventato un problema. Per risolvere questo problema, è stato meglio eliminare Flappy Bird. Se n'è andato per sempre» ha dichiarato lo sviluppatore a Forbes.

«La mia vita non era più tranquilla come prima» ha continuato Dong nell'intervista. «Non riuscivo a dormire».

flappy ebay 2

Chi volesse provare a giocare a Flappy Bird fuori tempo massimo può disporre di cloni spuntati come funghi negli store di iOS e Android; oppure, se si sente in vena di spese folli, può rivolgersi a eBay dove diversi possessori di iPhone hanno iniziato a mettere in vendita i propri smartphone a prezzi incredibili, giustificando la cifra grazie alla presenza dell'ormai introvabile videogame. A dire il vero, questi annunci sono stati per lo più rimossi rapidamente, in quanto i telefoni «non riportati alle condizioni di fabbrica» come specificano le linee guida.

Nonostante la decisione, Dong Nguyen ha deciso di continuare a sviluppare giochi, che prossimamente appariranno sull'App Store e sul Play Store. Ma nessuno gli chieda di Flappy Bird: lui preferisce dimenticarsene.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'app per smettere di usare lo smartphone
La storia del barbone che sviluppa app di successo
I videogiochi snervanti rendono aggressivi
La resurrezione di Flappy Bird
App Store, un nuovo gioco su tre è un clone di Flappy Bird
Lo ZX Spectrum risorge tra tablet e Bluetooth
Piadineria multata per iPad a disposizione dei clienti
I fallimenti dell'antipirateria per videogiochi
Leisure Suit Larry, arriva il remake
Il cimitero degli Atari
Angry Birds, un miliardo di download
Un quattordicenne sfida Angry Birds

Commenti all'articolo (1)


Bravo. Scelta coerente. :D
19-2-2014 17:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (398 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics