Pheme, l'applicazione che sbugiarda le bufale

Setaccia il web e i social network, distinguendo le notizie vere da quelle inventate.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-03-2014]

M pheme bufale interent

Come si distingue una "bufala", magari ben confezionata, da una notizia vera?

Un po' di esperienza nel frequentare la Rete, l'attenzione a determinati indizi (le bufale sono spesso generiche e povere, se non prive, di dettagli) e un po' di buon senso spesso sono sufficienti, ma a chiunque può capitare di cascare in un tranello ben congegnato o di credere in una notizia falsa ma che si vede rimbalzare continuamente sui social network.

Per facilitare il lavoro di riconoscimento è nato il progetto Pheme, finanziato dall'Unione Europea.

L'obiettivo è creare una applicazione web che fornisca agli utenti una valutazione in percentuale circa l'attendibilità di una storia: più alta la percentuale, più probabilmente essa sarà vera.

Il sistema classificherà le notizie in quattro categorie - speculazioni, controversie, cattiva informazione e disinformazione - basandosi non solo sul contenuto ma anche sulle fonti (assegnando per esempio bassa o nessuna credibilità a un nuovo account Twitter che annuncia una notizia sensazionale senza ulteriori conferme).

Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2146 voti)
Leggi i commenti (13)

Non si tratta semplicemente di soddisfare la curiosità degli internauti: governi e agenzie potrebbero adoperare Pheme per aiutare la popolazione, nei casi di emergenza, a distinguere tra le informazioni corrette e quelle false, evitando così il panico.

Secondo Kalina Bontcheva, ricercatrice dell'Università di Sheffield, ci vorranno 18 mesi per sviluppare gli algoritmi che permettano di avere un prototipo funzionante; poi occorreranno altri 18 mesi di sperimentazione.

«Siamo già in grado di gestire molte delle sfide che ci si presentano, come il grande volume di informazioni sui social network, la velocità con cui appare e le diverse forme (dai tweet ai video, alle foto e ai post dei blog)» spiega la dottoressa Bontcheva. «Ma al momento non è possibile eseguire automaticamente e in tempo reale un'analisi che determini se un'informazione sia vera o falsa, ed è proprio questo che vogliamo ottenere».

I test saranno condotti su piattaforme adoperate correntemente: il sito SwissInfo fungerà da banco di prova per quanto riguarda il giornalismo digitale, mentre per quanto riguarda le notizie sulla salute verranno utilizzate le discussioni online dell'Istituto di Psichiatria del King's College di Londra.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
1.500 euro mensili per chi ospita ragazza ucraina, ma...
BadBIOS, il virus informatico che si propaga nell'aria
Lo shampoo che fa venire il cancro non è più una bufala
La bufala corre sul filo... della posta
Laura Boldrini nuda? La foto è una bufala
Movimento 5 Stelle, chip sottopelle, risate a crepapelle
Il trucchetto contro il cancro alla tiroide

Commenti all'articolo (5)

Sì. Decisamente, dev'essere "O forse...". :lol: Leggi tutto
4-3-2014 16:25

Eh, Paolo è vox clamans in desertum da molto prima che esistessero i blog, ma è noto che è della CIA e al soldo dei Rettiliani pagati dalle multinazionalicattive. O forse è un Rettiliano al soldo della CIA che è al soldo degli sciachimisti di HAARP. O forse... :twisted: Mauro Leggi tutto
4-3-2014 10:38

Voglio vederlo, l'algoritmo che riesce a distingure la notizia vera con otto commenti, dalla stronzata con seicento condivisioni diecimila SVVVVEEEGLIAAAAAAAAA!!1!1!!!11 e un milione di mipiace. :evil: Cioè, ci sarebbe, si chiama cervello, ma bisognerebbe levarlo dal cellophane e usarlo... molto più comodo cliccare... Leggi tutto
4-3-2014 10:34

Io quando sento puzza di bufala vado a cercare nel blog di Paolo Attivissimo ... lo conoscete ? :D
3-3-2014 20:55

{VelaImpavida}
Un programma in grado di giudicare le bufale..... Dovrebbe avere più saggezza di un maestro Zen e più lungimiranza di un profeta. Ma... siamo sicuri che non sia una bufala? Scusate ma ... non ho resistito!
3-3-2014 13:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1530 voti)
Ottobre 2020
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Tutti gli Arretrati


web metrics