Ricaricare lo smartphone in 30 secondi

Grazie all'invenzione di StoreDot la ricarica è quasi istantanea.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-04-2014]

store dot ricarica batteria 30 secondi

Quanto sarebbe bello poter ricaricare il telefonino in meno di un minuto? Per i possessori di smartphone, sarebbe qualcosa di molto simile a un miracolo.

La start-up israeliana StoreDot ha presentato durante la conferenza Microsoft Think Next di Tel Aviv un dispositivo che trasforma quel sogno in realtà: una batteria che si ricarica in 30 secondi.

Il segreto sta in alcune «nanoparticelle biologiche, i peptidi, in grado di modificare le reazioni chimiche degli elettrodi e di produrre un'energia supplementare».

Il risultato, come mostra il video che riportiamo più sotto, è impressionante, ma prima che la batteria di StoreDot arrivi sul mercato dovrà passare del tempo.

«Siamo a circa un anno di distanza da un prototipo funzionante che possa stare all'interno di un dispositivo» spiega Doron Myersdorf, CEO di StoreDot; il prototipo attuale è infatti di dimensioni ancora eccessive.

Sondaggio
Quanto spesso utilizzi un Pc o un dispositivo mobile mentre guardi la Tv?
Sempre
Spesso
A volte
Raramente
Mai
Non guardo la Tv.

Mostra i risultati (3409 voti)
Leggi i commenti (3)

Prima che si possa arrivare a un prodotto commerciale occorreranno poi altri due anni: tra tre anni, insomma, dovrebbe essere pronta una superbatteria che contiene una carica sufficiente per un'intera giornata, è delle dimensioni giuste e, se necessario, si ricarica in pochi secondi.

«Quando si riesce a gestire il processo di autoassemblaggio di queste molecole» - racconta Myersdorf, riferendosi ai peptidi - «possiamo creare dei nanocristalli. Si tratta di sfere stabili e robuste, con un diametro di 2,1 nanometri. E si possono usare, perché hanno proprietà speciali e sono robuste, in un dispositivo semiconduttore o in una batteria o in uno schermo. Stiamo parlando di un nuovo tipo di materiali che possono essere introdotti in diversi tipi di dispositivi». L'articolo continua dopo il video.

Per Myersdorf, infatti, la tecnologia alla base di questo risultato ha molti campi di applicazione, dalle memorie ai sensori per immagini. Può essere adoperata anche per realizzare un display per smartphone che emette luce grazie ai composti bio-organici utilizzati.

«L'unico problema è che l'industria non è pronta» spiega ancora Myersdorf. «L'ecosistema non è pronto. È un nuovo tipo di materiale, con una nuova fisica, che arriva dalla natura. Per creare questi nanocristalli non abbiamo bisogno di grandi fabbriche: mescoliamo alcuni elementi di base, come idrogeno, azoto, elio».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Android, come scoprire le app ficcanaso o prosciugabatteria
Ricaricare il cellulare con l'energia delle vibrazioni
Le batterie zuccherine che si ricaricano come le cartucce
Ricaricare la batteria dello smartphone in 20 secondi
Infinity Cell, la batteria infinita

Commenti all'articolo (3)

Il video fa veramente impressione, vedremo se si arriverÓ ad un prodotto commerciale e vendibile. Tre anni non sono neppure tanti da aspettare per verificare... :wink:
12-4-2014 15:21

Mi pare un po' tanto alchemica l'affermazione "basta mescolare idrogeno, azoto, elio" come se fossero uova e farina, staremo a vedere se c'Ŕ qualcosa di concreto, di batterie miracolistiche ne han giÓ presentate tante negli anni... Mauro
9-4-2014 12:24

Ho letto qualcosa del genere giÓ qualche anno fa. Ho il dubbio che quando arriveranno sul mercato, gli smartphone o la loro evoluzione consumeranno talmente tanto che alla fine sarÓ come ricaricare un telefono di adesso. :cry: Ciao
9-4-2014 00:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (6097 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 gennaio


web metrics