Equo compenso, aumenta costo di Pc, smartphone e tablet

Il ministro Franceschini non sembra sentire ragioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-04-2014]

M SIAE equo compenso franceschini

Dato che i produttori di dispositivi e la SIAE non riescono a trovare un accordo, l'equo compenso aumenterà.

È questa, in sintesi, l'opinione del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali Dario Franceschini: una posizione che certamente non invoglia la SIAE a scendere a compromessi, tantopiù che da tempo la Società chiede un aumento pari al 500%.

Stando alla legge, il cosiddetto equo compenso per la copia privata dovrebbe essere aggiornato ogni due anni; dato che tale operazione si sarebbe dovuta fare nel 2012, siamo in ritardo di due anni.

È proprio facendo leva su questo ritardo che Franceschini giustifica la propria posizione, ricordando inoltre che secondo lui sarebbe proprio in virtù di tale balzello - gravante su CD, DVD, Blu Ray ma anche su PC, smartphone, tablet, hard disk, chiavette USB e schede di memoria - che gli artisti sono in grado di creare.

Il diritto d'autore - ha sostenuto Franceschini - «è quello che consente la libertà all'artista, quello che gli garantisce il suo spazio di creatività. Il diritto d'autore è stato uno dei temi centrali dell'incontro della scorsa settimana dei ministri della Cultura dell'Unione Europea ed è in cima all'agenda europea, perché tutte le nuove tecnologie comportano questioni attinenti il diritto d' autore».

Eppure i conti non tornano. Il predecessore di Franceschini, Massimo Bray, per riuscire a capire meglio la situazione aveva commissionato un sondaggio, realizzato da Quorum, presso gli utenti.

I risultati, disponibili tramite il sito del Ministero dei Beni Culturali, non sembrano per nulla dare ragione a chi sostiene l'equo compenso su ogni tipo di dispositivo.

Scorrendoli, emerge infatti per esempio che sebbene tutti debbano pagare l'equo compenso, appena il 13,5% degli utenti poi fa una copia privata di ciò che acquista.

Sondaggio
Quale di questi dispositivi degni di un film di fantascienza ma già esistenti vorresti avere?
Erascan: un cancellino per lavagne bianche in grado di effettuare una scansione con OCR di tutto ciò che cancella.
Tamaggo Ibi: una videocamera con lente circolare in grado di scattare foto a 360 gradi.
No More Woof: legge le onde cerebrali dei cani e traduce i pensieri in linguaggio umano.
Il drone per le consegne Amazon Prime Air: consegnerà i pacchi volando, rendendo obsoleti i corrieri.
WAT: la lampada alimentata ad acqua.
Transparent TV: grazie alla tecnologia TOLED (LED Organici Trasparenti) è dotato di uno schermo praticamente invisibile.
Electrolux Wirio, la cucina trasportabile composta da quattro diversi elementi, per cucinare e tenere in caldo i cibi.
Touch Hear, per toccare con un dito una parola stampata e ascoltare la pronuncia e il significato.
Immersed Senses, una maschera per sub che estrae ossigeno dall'acqua ed è dotata di schermo per mostrare informazioni utili.
La maniglia che si sterilizza da sola grazie a una lampada integrata a raggi ultravioletti.
Heart Rate Monitor Earphone, gli auricolari che rilevano il battito cardiaco e il consumo di ossigeno.
Voyce, il collare per cani che misura il battito cardiaco e il ritrmo respiratorio, conta le calorie e indica se l'animale non fa abbastanza esercizio.
Makerbot Z18, una stampante 3D che funge da replicatore per oggetti voluminosi.

Mostra i risultati (1658 voti)
Leggi i commenti (3)

Inoltre, di questi ultimi il 69,4% fa una copia da tenere sul PC: come sottolinea l'avvocato Fulvio Sarzana, «tutti paghiamo un sovrapprezzo, che va alla Siae, sui dispositivi elettronici per una possibilità- la copia privata - che interessa solo una minoranza di italiani. E che comunque non interessa gli smartphone, che pure subiscono un rincaro per l'equo compenso».

È il meccanismo in sé alla base del balzello, quindi, a essere tutt'altro che equo. Anzi, con la diffusione dello streaming la fruizione di contenuti è sempre meno legata ai supporti fisici.

Secondo la SIAE è il sondaggio a essere falsato: Quorum avrebbe fatto male a rivolgersi soltanto agli utenti di Internet e non a tutta la popolazione.

E nonostante un rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale affermi che in Italia si raccoglie, tramite equo compenso, più che in ogni altro Paese europeo tranne la Francia, per il 2014 la SIAE vorrebbe alzare la tassa in modo da raccogliere 200 milioni di euro (contro gli 80 raccolti l'anno scorso), una cifra che è spaventosa a paragone dei 380 milioni di euro raccolti in tutta Europa nel 2012.

In questo panorama fa quasi tenerezza Gino Paoli, presidente della SIAE, quando afferma che l'equo compenso non è una tassa e non incide sui consumatori, perché sono i produttori che devono pagarlo senza alterare i prezzi. Viene da chiedersi su quale pianeta un produttore non scaricherà sugli acquirenti l'aumento dei costi.

L'equo compenso in Italia è più alto che altrove, e in diversi Stati nemmeno esiste; ciononostante, la SIAE e il Ministro vorrebbero alzarlo ancora, facendo in modo che per esempio su un tablet si passi da 1,90 a 5,20 euro, su un computer da 1,90 a 6 euro, su uno smartphone da 0,90 a 5,20 euro, come spiega Altroconsumo, che contro l'aumento ha organizzato anche una petizione.

Ancora non è chiaro come andrà a finire anche se, nonostante l'evidenza dei dati, il Ministro sembra intenzionato a non sentire ragioni: «O si cambia la norma di legge oppure l'adeguamento tariffario va fatto»: e, in fondo, «la norma sull'equo compenso prescinde dall'effettivo uso della copia privata».

Come dire: la tassa va pagata anche se il motivo per cui è stata istituita non esiste più.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
iPhone 6, il più caro di sempre
Germania, equo compenso alle stelle
La Grande Furbata: Sorrentino e l'aumento dell'equo compenso
SIAE, l'equo compenso aumenta del 500%
La pazzia di aumentare l'equo compenso sugli smartphone
Tassa equo compenso aumenta del 2000% in Germania
Portogallo, proteste contro tassa simile a equo compenso
L'equo compenso? Lo devono pagare tutti
Dieci domande alla Siae
La Corte di Giustizia ridimensiona l'equo compenso

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)

Viene proprio voglia di andare a Chiasso, se non altro per fregare la SIAE.
27-4-2014 20:18

{dbp}
invece di firmare contratti con le case discografiche, realizza la tua musica, rilasciala sul web su link[/url] come autore, e gli altri la ascolteranno per genere. inoltre potresti applicare una CC [url=http://forum.zeusnews.com/link/142859]link Vedi se puoi rilasciare la musica con doppia licenza per gli utenti al solo fine non... Leggi tutto
26-4-2014 16:48

{dbp}
a parte il fatto che anche in modo arbitrario anche in Europa ti fanno pagare l'IVA, potresti invece dirmi che è più bassa. all'estero è conosciuta come Value Added Tax (VAT), Tassa Aggiunta sul Valore, non è dunque IVA che in italiano vorrebbe dire Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) Imposta link[/url] Tassa ... Leggi tutto
26-4-2014 16:33

{dbp}
SIAE = Società Italiana Autorizzata Estorsione
26-4-2014 16:06

Quoto! Leggi tutto
26-4-2014 14:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1828 voti)
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Pirateria, la soluzione è sospendere Telegram
Tutti gli Arretrati


web metrics