Rivendere MP3 e video acquistati online

Un file comprato è tuo e puoi farci quello che vuoi, compreso rivenderlo? Il dibattito è in corso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-06-2014]

rivendere mp3

È iniziato da qualche giorno, e andrà avanti per mesi, un interessante dibattito presso la Camera dai Rappresentanti USA.

L'argomento riguarda la collisione tra mondo reale e mondo virtuale, tra beni fisici e beni che sono formati soltanto da bit, e i diritti che chi li acquista ha su di essi.

Da oltre un secolo, la First Sale Doctrine consente a chi acquista un prodotto di rivenderlo; ciò che ora ci si chiede è se tale diritto si estenda anche ai beni immateriali, vale a dire file musicali e video.

La MPAA, associazione delle case cinematografiche statunitensi, è - guarda caso - contraria: sostiene che, essendo la First Sale Doctrine stata formulata quando non c'erano altro che beni materiale, non sia possibile estendere la stessa a quelli immateriali.

Peggio ancora: permettere la rivendita di MP3 e file video causarebbe il collasso del neonato commercio online di opere protette dal diritto d'autore, poiché i file non si deteriorano col tempo, a differenza degli oggetti concreti; in altre parole, sono "troppo buoni per poter essere rivenduti".

Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2519 voti)
Leggi i commenti (5)

Per la MPAA il diritto di rivendere un oggetto riguarda insomma soltanto ciò che può subire gli assalti del tempo e, di conseguenza, perdere parte del proprio valore. Applicare lo stesso principio ai file sarebbe un errore.

«Permettere la rivendita di contenuti Internet licenziati minerebbe gli incentivi a creare, ridurrebbe la scelta per i consumatori e impedirebbe l'innovazione» ha dichiarato alla Camera americana Neil Fried, della MPAA. Se a qualcuno queste parole suonano familiari, è soltanto perché si tratta delle stesse identiche argomentazioni avanzate non soltanto per cercare di cancellare la pirateria, ma anche per limitare (impedire, nel "mondo perfetto" sognato dalla MPAA), la copia privata.

È da notare inoltre come la MPAA preferisca parlare sempre di prodotti «licenziati» o «concessi in licenza», mai «acquistati» o «venduti»: deve essere ben chiaro in chi li ascolta che il legittimo proprietario non è mai chi ha sborsato del denaro per quel prodotto.

È una visione diametralmente opposta a quella di John Ossenmacher - CEO della piattaforma di rivendita di MP3 (e presto anche di software, e-book e audiolibri), anch'esso ascoltato in un'audizione alla Camera dei Rappresentanti ReDigi - il quale parte da quello che considera «un concetto semplice: l'hai comprato, quindi è tuo».

Per Ossenmacher la First Sale Doctrine si può riassumere in questo motto; non solo: essa «non si è mai preoccupata di precisare uno specifico formato o una specifica tecnologia, né le condizioni del bene che viene rivenduto».

«Essa» - prosegue Ossenmacher - «stabilisce il principio di buon senso che il creatore merita di essere pagato una volta, e quindi il proprietario, il successivo proprietario, ha il diritto di rivendere quel bene, di donarlo o di darlo via».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Quelli della MPAA farabutti sono e farabutti resteranno per sempre! Per loro anche i CD/DVD sono concessi in licenza quindi nemmeno quelli dovrebbero poter essere rivenduti...
14-6-2014 15:41

Alla fine sarà una questione di lobby, ovvero di chi riuscirà a mettere in campo il cannone più rumoroso. Certo mi farebbe piacere capire la posizione della MPAA, quale sarebbe la differenza secondo loro tra l'acquisto di un CD/DVD e lo scarico? Se lo stesso brano lo compro acquistando un supporto fisico ne divento proprietario e lo... Leggi tutto
13-6-2014 07:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3986 voti)
Dicembre 2022
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics