Farmaci, l'Europa vara logo per acquisti sicuri online

Identifica le farmacie serie, mettendo fuori gioco chi spaccia medicinali contraffatti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-07-2014]

ue logo farmaci online

Acquistare farmaci in Internet rischia di essere un terno al lotto, in cui la posta in gioco può essere molto alta.

Non è difficile, infatti, incappare in negozi online che magari a prima vista sembrano in regola come vere e proprie farmacie, soltanto per scoprire poi che vendono farmaci contraffatti.

Per tutelare gli acquirenti, l'Unione Europea ha emanato la direttiva 2011/62, che tratta per l'appunto dei medicinali falsificati.

Nel dare attuazione a questa direttiva, la Commissione ha emanato un regolamento che prevede l'istituzione di un logo tramite il quale chi acquista possa distinguere a colpo d'occhio i negozi seri da quelli che è meglio evitare.

Le farmacie online che vorranno ottenerlo dovranno rispettare determinati requisiti tecnici saranno inserite nell'elenco dei negozi "certificati".

Sondaggio
Confessa. Hai mai acquistato un farmaco online?
Assolutamente no, Ŕ un reato.
Fossi matto! E' un rischio per la salute.
Non si dovrebbe... ma lo ammetto, qualche volta Ŕ successo.
Lo faccio abitualmente anche se Ŕ contro la legge o pericoloso.

Mostra i risultati (3677 voti)
Leggi i commenti (21)

Visitando un sito che espone il logo e cliccando su quest'ultimo si verrà portati sul sito dell'autorità nazionale di regolamentazione della materia, dove ci sarà l'elenco completo delle farmacie online regolari: si potrà in tal modo verificare l'identità del sito.

Perché il regolamento entri in vigore occorreranno 4 - 6 settimane, ma i singoli Stati dell'Unione hanno a disposizione un anno di tempo per mettersi in regola e decidere condizioni specifiche e limitazioni (per esempio, autorizzare la vendita online dei soli farmaci senza obbligo di ricetta).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Cronofarmacologia: a che ora bere caffè durante il giorno?
Il cerotto al Viagra e il Viberect
Antitrust chiude Private Outlet e sito di farmaci online
Farmaci generici, via libera dalla Cina. Anche sotto brevetto
Viagra su Internet, pessimo acquisto
NAS, cyberpusher in aumento
Farmaci via Internet, retata in 81 Paesi

Commenti all'articolo (2)

in effetti l'ue farebe meglio a tornare ad occuparsi del diametro dei cetrioli
7-7-2014 07:35

Non sono un webmaster e nemmeno un webdesigner, ma credo ci voglia nulla per copiare o linkare il file del logo, inserirlo nella pagina del sito ed associargli un link ad una pagina appositamente creata del tutto uguale alla pagina legittima (come fanno per i siti di phishing) ma con l'elenco modificato aggiungendo il nome della... Leggi tutto
4-7-2014 23:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1412 voti)
Maggio 2022
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Una storia di phishing bancario diversa dal solito: il ladro beffato
Aprile 2022
Una dura lezione dall'Internet delle Cose
Bug nell'app Messaggi, e la batteria si scarica in fretta
Gli USA ottengono l'estradizione di Assange
L'utility che ripulisce Windows 11 è in realtà un trojan
Hacker cinesi sfruttano VLC per diffondere malware
Quando l'intelligenza artificiale bara: l'aneddoto degli husky scambiati per lupi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 maggio


web metrics