Oltre 900 scrittori contro Amazon: ''Boicotta i nostri libri''

Amazon vorrebbe abbassare i prezzi degli ebook, l'editore Hachette e gli autori si oppongono.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-08-2014]

Amazon contro Hachette lettera scrittori

È ormai da diverso tempo che va avanti il braccio di ferro tra Amazon e l'editore Hachette.

Tutto è iniziato quando Amazon ha deciso che è giunto il momento di abbassare i prezzi degli e-book: considerato che non ci sono costi di stampa, né di stoccaggio dell'invenduto, né previsioni di vendita da rispettare, l'azineda di Jeff Bezos ritiene che prezzi come 14,99 o 19,99 dollari per un libro elettronico siano troppo elevati.

Amazon ha raccontato il proprio punto di vista sul sito Readers United, spiegando come tutti - autori, editori e lettori - avrebbero da guadagnare da tale mossa, anche perché le vendite, a prezzi inferiori, sarebbero più alte; l'editore, invece, sostiene che accettando tale politica sia le case editrici che gli autori non farebbero altro che perdere denaro.

Nella disputa si sono ora introdotti oltre 900 scrittori (la maggior parte dei quali non editi da Hachette, ma decisi a mostrare solidarietà ai colleghi) che hanno acquistato una pagina del New York Times per denunciare una pratica scorretta che secondo loro Amazon starebbe mettendo in atto per piegare Hachette.

La lettera è pubblicata sul sito Authors United e tra i firmatari ci sono nomi estremamente noti come Stephen King, Douglas Preston, John Grisham, Nora Roberts e Jennifer Egan.

Sondaggio
Pensi di acquistare un dispositivo per leggere gli e-book?
Sì, un lettore con e-ink in toni di grigio - 25.4%
Sì, ma aspetto l'e-ink a colori - 17.1%
Sì, un tablet - 15.5%
Sì, un netbook - 2.8%
No, preferisco i libri cartacei - 39.2%
  Voti totali: 2429
 
Leggi i commenti (16)

Questi scrittori sostengono che Amazon stia deliberatamente boicottando le vendite dei libri editi da Hachette, ritardando le spedizioni o impedendo i preordini.

Gli autori si presentano come coloro che hanno aiutato Amazon a diventare il colosso che è oggi, poiché è grazie alla vendita dei loro libri che la start-up di Bezos è riuscita a farsi conoscere; pretendono quindi di essere ascoltati e che Amazon faccia marcia indietro, rinunciando ad abbassare i prezzi.

Il risultato è che Amazon invita i lettori a scrivere ad Hachette sostenendo la politica di riduzione dei prezzi; gli autori invitano a scrivere a Jeff Bezos facendo l'opposto.

Chi vincerà è ancora tutto da vedere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'estensione per gli ebook di Amazon in versione pirata
Olanda, via libera alla vendita di ebook di seconda mano
E-book, bocciata la riduzione dell'IVA al 10%
Gli editori europei: l'Antitrust multi Google
Il libro pay-per-read: paghi solo le pagine che leggi
E-book in regalo col libro cartaceo? Vendite triplicate
E-book, prezzi mantenuti alti per favorire la concorrenza

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

@theatman Dalla tua dissertazione intendo che, più che Amazon - accusata genericamente di pratiche scorrette non documentate - i veri affamatori di autori siano gli editori, francamente un ricarico del 500/600 % su un ebook mi sembra un furto più che un ricarico. In definitiva concordo con Amazon sulla richiesta di abbassare i prezzi... Leggi tutto
19-8-2014 09:54

{theatman}
Dal bassissimo della sua mancanza di etica, amazon (=bezos) dovrebbe stare zitta; purtroppo come quasi tutti i suoi simili fa casino per coprire le sue malefatte. Comunque la stragrande maggioranza degli autori non ha potere contrattuale verso nessun editore, figuriamoci verso un rivenditore internazionale che può danneggiare come... Leggi tutto
15-8-2014 15:39

{dario}
I costi dell'edizione elettronica sono inferiori,e anche di molto,rispetto all'edizione cartacea...quindi non capisco quale sia il problema...ABBASSATE IL PREZZO!!!Fareste un favore all'ambiente e ai lettori,che sicuramente aumenterebbero!Se poi non vogliono pubblicare i loro libri in edizione elettronica a prezzi... Leggi tutto
12-8-2014 16:07

Cioe' gli autori chiedono ai lettori (cioe' agli acquirenti) di scrivere ad amazon per pregarli di non abbassare i prezzi di vendita? O_o Mi piacerebbe sapere quante email verranno inviate, ovviamente escludendo quelle scritte dagli stessi autori, dai parenti, dagli amici, ecc.
12-8-2014 15:59

Ovviamente gli editori vogliono monetizzare... ma amazon non ha tutti i torti.... chi compra ebook che costano quanto i cartace? solo per principio..
12-8-2014 13:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1557 voti)
Gennaio 2022
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 gennaio


web metrics