IFPI accusa Kim Dotcom di piratare il suo stesso album

E lo fa rimuovere da Mega.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-09-2014]

kim dotcom good times

Kim Dotcom, fondatore di Megaupload e del suo successore Mega, tra le altre attività annovera anche quella di cantante.

All'inizio di quest'anno ha pubblicato il primo album - Good Times - e l'ha reso disponibile su Mega, pubblicando il link anche sul proprio sito personale.

Alcuni giorni fa, all'improvviso Good Times di Kim Dotcom è sparito da Mega.

L'IFPI - la Federazione Internazionale dell'Industria Fonografica - aveva infatti inviato a Mega una notifica di rimozione, asserendo che l'album violava il copyright degli artisti da lei rappresentati tra i quali, ovviamente, Kim Dotcom però non c'è. E Mega ha prontamente obbedito.

La faccenda è però anche più complicata: nell'elenco degli artisti i cui diritti sarebbero stati violati da quell'album l'IFPI ha inserito un sacco di nomi (dagli U2 a Craig David, da Ariana Grande a Eminem), ma quello di Kim Dotcom, autore dell'album, è assente. È chiaro quindi che la richiesta di rimozione non può essere altro che un errore.

In ogni caso le immediate proteste del fondatore di Mega - che ha preteso e ottenuto che l'album venisse rimesso subito online - hanno portato a un'indagine più approfondita, dalla quale s'è scoperto che già in agosto l'IFPI aveva provato a chiedere la rimozione di Good Times.

Sondaggio
Sim o Wi-Fi?
Con Sim e piano dati attivo.
Con Sim ma senza piano dati.
Ho Sim e piano dati ma uso soprattutto il Wi-Fi.
Solo Wi-Fi.

Mostra i risultati (1475 voti)
Leggi i commenti (4)

Anche allora, però, aveva sbagliato bersaglio: nella richiesta aveva scritto che l'opera violava i diritti dell'album The Golden Echo di Kimbra.

«È un indizio che qualcuno all'IFPI non sta facendo i compiti e che, in generale, non ci si può fidare delle loro richieste di rimozione» conclude da tutto ciò Stephan Hall, di Mega.

Già Kim Dotcom aveva dichiarato che, ai tempi di Megaupload, «circa il 20% delle richieste di rimozione erano errate».

Il motivo? Tutto avviene in automatico. «Abbiamo analizzato grandi quantità di richieste» - spiegava già tempo fa Dotcom - «e la maggior parte erano generate automaticamente e partire da parole chiave e colpivano un sacco di file legittimi. L'abuso del sistema di rimozione è così imponente che nessuno fornitore di servizi può fidarsi delle richieste per stilare una policy circa il ripetersi del comportamento illecito».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il tentato phishing ai danni di Elodie
Mega termina l'account di Kim Dotcom per pirateria
Dove prende i soldi Kim Dotcom?
Mega, accuse di riciclaggio
Mega oscurato in Italia, ecco come accedere
Kim Dotcom: 5 milioni di dollari a chi mi aiuta
Anche RIAA e MPAA usavano MegaUpload
RIAA e MPAA fanno causa a MegaUpload

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la politica della tua azienda nei confronti dei dispositivi mobili dei dipendenti? Bring Your Own Device oppure Corporate Owned, Personally Enabled?
BYOD
COPE
Non c' una policy dominante, dipende dagli utenti
Non lo so
Non lavoro in un'azienda

Mostra i risultati (889 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 ottobre


web metrics