Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe

Gli aumenti mascherati dall'abolizione dello scatto alla risposta, che però è solo virtuale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-09-2014]

telecom italia

Dal 1 novembre gli utenti di Telecom Italia vedranno la loro bolletta telefonica aumentare.

L'ex monopolista ha infatti deciso un ritocco verso l'alto del canone telefonico, che passa dagli attuali 17,54 euro a 18,54 euro mensili.

Contestualmente, raddoppiano le tariffe al minuto verso telefoni fissi e cellulari: l'attuale tariffa base è di 5,04 centesimi al minuto raddoppierà a 10 centesimi al minuto.

Questo vale per le chiamate "nazionali" verso i numeri fissi - è ormai abolita da tempo la distinzione tra urbane e interurbane - quanto quelle verso i telefonini.

Bontà sua, Telecom Italia "abolisce" lo scatto alla risposta, che attualmente è di 5,04 centesimi. Basta però fare due conti per verificare quanto questa abolizione sia soltanto virtuale.

Infatti oggi il primo minuto di chiamata costa 5,04 centesimi di scatto alla risposta + 5,04 centesimi (con "scatto" anticipato) di tariffazione del primo minuto. Dal 1 novembre si pagheranno invece 10 centesimi per il primo minuto (la tariffazione è e rimane a "scatti" anticipati).

Sondaggio
Che cosa hai fatto almeno una volta nella vita in una cabina telefonica?
Mi sono spogliato e cambiato.
Ho fatto pipì.
Ho fatto l'amore (con un uomo, una donna o da solo).
Mi sono limitato a ripararmi per la pioggia.
Ho telefonato, ma usando il cellulare.
Ho fatto degli scherzi telefonici rimanendo anonimo.
Da teppista l'ho danneggiata.
Ho telefonato senza pagare.
Ho fatto delle banali telefonate, niente di più.

Mostra i risultati (4119 voti)
Leggi i commenti (23)

L'annullamento dello scatto alla risposta non consentirà di risparmiare nemmeno un centesimo, anzi, nemmeno un millesimo di euro. Senza contare che il costo dei minuti successivi al primo raddoppierà.

E' curioso che su tutti i quotidiani e su tutti i siti in queste ore si legga "Telecom Italia abolisce lo scatto alla risposta", senza specificare che in realtà questa sia una vera e propria bufala, probabilmente spacciata per far passare inosservato l'aumento del canone e il raddoppio della tariffa al minuto.

Va infine sottolineato che l'abolizione dello scatto e l'aumento della tariffa riguardano soltanto gli utenti della cosiddetta "Linea base" (che interessa comunque svariati milioni di abbonati) e non quelli che hanno attivato Adsl o altre tipologie di abbonamento con chiamate comprese: per esempio la tariffa "Zero" manterrà lo scatto di 16,26 centesimi - per tutta la chiamata - anche dopo il 1 novembre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

Certo, ma poi troveremo solo tariffe "tutto incluso a soli xx al mese", con tariffa base uguale al canone attuale. In pratica una rename... Scommettiamo? Leggi tutto
15-9-2014 19:13

{Ricky}
Le telecomunicazioni hanno prezzi che negli anni sono in diminuzione se li rapportato ad altri settori proprio per la presenza di una concorrenza. Andate a verificare quanto vi costa il canone della TV o una bolletta del gas o luce rispetto a qualche decennio fa oppure la nettezza urbana i mezzi pubblici, le mense scolastiche, la tazzina... Leggi tutto
14-9-2014 08:17

Nessuno ha notato un'altra finezza. L'aumento e' solo per chi non ha internet, quindi presumibilmente l'utenza anziana, statisticamente poco propensa a cambi di linea, operatore, etc. L'utenza con internet e' mediamente piu' giovane e piu' sveglia, li manderebbe a stendere in zerodue, passando alla concorrenza.
13-9-2014 04:10

Sempre stati! Leggi tutto
12-9-2014 17:24

Non posso che quotare Sergio. L'Italia è cronicamente schiava. :cry:
12-9-2014 16:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (349 voti)
Ottobre 2019
MacOS Catalina, controllate le applicazioni prima di migrare
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Tutti gli Arretrati


web metrics