Mega termina l'account di Kim Dotcom per pirateria

Il fondatore del cyberlocker adesso rischia la galera in Nuova Zelanda.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-11-2014]

kim dotcom account sospeso prigione

Non è davvero un buon periodo per Kim Dotcom: non solo rischia di tornare in prigione, ma la sua stessa azienda, Mega, lo accusa di pirateria e gli chiude l'account.

La prima notizia cattiva risale alla settimana scorsa, quando il team di avvocati che difende Kim Dotcom in Nuova Zelanda ha deciso di gettare la spugna e ha abbandonato il famoso cliente, il quale ora sta cercando di mettere insieme un nuovo team.

La seconda notizia cattiva proviene dalla Corte Distrettuale di Auckland, dove il procuratore Christine Gordon ha presentato una richiesta affinché al fondatore di Mega venga ritirata la concessione della libertà su cauzione.

I dettagli della richiesta non sono stati resi noti; pare che il procuratore abbia ravvisato una violazione delle condizioni per la libertà. Quindi Kim Dotcom ora rischia di dover tornare in prigione.

In attesa della decisione in merito, a Dotcom sono già state ridotte le possibilità di movimento: non si può allontanare più di 80 km dalla propria casa, non può adoperare l'elicottero né spostarsi in barca o in nave; infine, deve presentarsi alla polizia ogni giorno.

La Corte di Auckland si riunirà il prossimo 24 novembre per stabilire se il procuratore Gordon abbia ragione e se, di conseguenza, Kim Dotcom debba essere nuovamente arrestato.

In questo scenario deprimente sembra decisamente meno grave il fatto che Mega abbia deciso di sospendere l'account di Kim Dotcom per ripetute violazioni dei termini d'uso.

Sondaggio
Quando cerchi un brano musicale, o un intero Cd, cosa fai più spesso?
Scarico il brano o il Cd su iTunes: costa poco ed è legale.
Scarico l'Mp3 con Torrent o eMule o altro servizio simile.
Ascolto la canzone in streaming (per esempio su Youtube), anche se non posso scaricare l'Mp3.
Vado nel mio negozio di dischi o maxistore preferito.
Altro.

Mostra i risultati (3495 voti)
Leggi i commenti (10)

Mega ha adottato, sin dalla nascita, una rigida politica per quanto riguarda le rimozioni di materiale protetto da copyright e condiviso illegalmente: ogni richiesta viene presa molto sul serio e, spesso, eseguita anche se la violazione in realtà non esiste.

Il caso di Kim Dotcom è lampante: tempo fa ha pubblicato il suo primo album, sul quale detiene tutti i diritti, e l'ha reso disponibile gratuitamente tramite Mega. Da allora, diverse major hanno inviato continue richieste per la rimozione di quell'album, attribuendolo peraltro ai più diversi artisti.

Per Dotcom, tutto ciò è la prova che le richieste vengono inviate "a pioggia" da sistemi automatici e che non viene valutata l'esistenza reale di una violazione: quindi, non vanno prese sul serio, e sono quantomeno disoneste.

In ogni caso, i sistemi di Mega hanno registrato tutte queste richieste e di recente, dopo averne accumulate tante (sebbene tutte infondate) hanno reagito nel modo in cui sono programmati: hanno dedotto che l'account faceva capo a un pirata, per di più recidivo, e così l'hanno sospeso.

Fortunatamente per Kim Dotcom, la sospensione è durata poco: accortosi dell'errore, lo staff di Mega ha provveduto a riattivare l'account; un portavoce ha inoltre affermato che è in corso un riesame del sistema che gestisce le richieste di rimozione, in modo da evitare, per il futuro, situazioni analoghe.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Mega, tribunale Roma sospende la censura
Kim Dotcom trombato alle elezioni in Nuova Zelanda
IFPI accusa Kim Dotcom di piratare il suo stesso album
Ancora sotto sequestro i milioni di Kim Dotcom
Mega, accuse di riciclaggio
Kim Dotcom: 5 milioni di dollari a chi mi aiuta

Commenti all'articolo (2)

Ennesima riprova, se ce n'era bisogno, della malafede da parte dei sistemi e dei criteri utilizzati dalle major per individuare e segnalare contenuti protetti da copyright messi illegalmente in condivisione... :twisted:
21-11-2014 18:53

Trovo la questione ridicola ed abbastanza ipocrita. Mega il servizio di cloud sharing, è in realtà molto utile a tutti coloro che vogliono condividere materiale di qualsiasi genere online, ed in effetti, sia il fondatore che la società stessa, lo sanno bene...Diciamo che la società secondo me in questo caso ha voluto lavarsene un po' le... Leggi tutto
19-11-2014 12:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Pensi che i bitcoin possano funzionare come valuta?
Certamente! Ci ho anche investito.
Sì, purché vengano sottoposti a regolamentazione.
Forse in futuro.
No.
Non ho ancora capito che cosa sia un bitcoin esattamente.

Mostra i risultati (2261 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics