BMW ricarica l'auto elettrica ai lampioni in strada

Una soluzione economica per riempire le città di stazioni di ricarica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-11-2014]

BMW Light and Charge 02

Per avere delle città davvero "a misura di auto elettrica" è necessario che le colonnine di ricarica non siano una rarità ma, anzi, siano presenti in gran quantità.

BMW ha ideato una soluzione che promette di essere pratica ed economica al tempo stesso: anziché installare delle colonnine ex novo, perché non riadattare i lampioni stradali, che sono già dovunque, affinché forniscano anche il servizio di ricarica? L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale di queste tecnologie obsolete utilizzi di più?
Autoradio con mangianastri
Carta carbone
Ciclostile
Fax
Floppy disk
Lavagna luminosa a lucidi
Lettore di compact disc
Macchina fotografica a pellicola
Macchina per scrivere
Proiettore di diapositive
Registratore a cassette
Segreteria telefonica a nastro
Stampante ad aghi
Telefono a rotella
Videoregistratore VHS
Videotel
Walkie talkie
Walkman

Mostra i risultati (4235 voti)
Leggi i commenti (22)
Sono nati così i lampioni Light and Charge che, oltre a garantire l'illuminazione tramite LED, sono dotati anche di prese per la ricarica delle auto elettriche, compatibili con tutti gli standard esistenti.

In questo modo si può riutilizzare l'infrastruttura già presente, abbattendo i costi che la municipalità dovrebbe sostenere se dovesse dotarsi di stazioni di ricarica completamente nuove.

L'azienda si è preoccupata anche di sviluppare un'app per smartphone tramite la quale gli utenti del sistema potranno effettuare i pagamenti in base all'elettricità consumata.

Due lampioni Light and Charge sono già stati installati a Monaco, di fronte al quartier generale di BMW, e sempre a Monaco prenderà il via nel 2015 il progetto pilota che permetterà di mettere alla prova sul campo la soluzione della casa automobilistica, appoggiandosi alla rete di illuminazione cittadina.

BMW Light and Charge 01
La stazione di ricarica alla base del lampione

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Una lampada al sodio consua circa 100W La ricarica "lenta" (8 ore) di una piccola utilitaria richiede almeno 1500W La ricarica "normale" di automobili moderne richiede circa 5000W Le colonnine per la ricarica veloce vanno oltre i 20'000W - Diciamo che per ricaricare in 1 ora una tipica auto (batteria 18kWh rendimento... Leggi tutto
30-11-2014 14:39

Dimenticavo un particolare, e cioe' che i lampioni sono alimentati solo nelle ore serali e notturne, ed in alcuni casi dopo un certo orario l'illuminazione viene ridotta (almeno un qualche anno fa era cosi, per lo meno dalle mie parti)
30-11-2014 14:38

Infatti, se l'impianto dell'illuminazione pubblica fosse adatto a veicolare le quantità di energia necessarie alla ricarica dei veicoli elettrici che necessità ci sarebbe di un'installazione pilota? Facendo un conto molto approssimativo ogni lampione dovrebbe avere, come minimo, un impianto che permette di erogare almeno 10 volte... Leggi tutto
30-11-2014 14:18

Quoto vac Se i pali dei lampioni sono gia' disponibili gratuitamente, l'impiantistica e' sicuramente da riprogettare e da rifare, a partire dalla cabina di trasformazione.
30-11-2014 12:34

I lampioni consumano qualche decina di Watt => I cavi non sono assolutamente dimensionati per ricaricaricare un automobile.
30-11-2014 09:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (403 voti)
Luglio 2022
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 luglio


web metrics