Identificare gli IP degli utenti TOR è possibile

Nessuno è davvero anonimo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-11-2014]

tor

Chi usa TOR per navigare in Internet pensando di diventare in tal modo completamente anonimo rischia di avere una brutta sorpresa.

Il professor Sambuddho Chakravarty ha pubbliato una serie di studi, condotti tra il 2008 e il 2014, in base ai quali mostra come sia possibile "deanonimizzare" l'81% dei clienti TOR, ossia risalire al loro indirizzo IP autentico.

La tecnica del professor Chakravarty, descritta in un documento pubblicamente disponibile, si basa sull'analisi del traffico adoperando i dati raccolti da NetFlow, uno strumenti integrato da Cisco nei propri router.

Netflow identifica il traffico Internet classificandolo in base al tipo: email, navigazione web, traffico TOR. La tecnica consiste nell'inserire nella connessione degli schemi di traffico ripetuti, come comuni file HTML cui gli utenti di TOR probabilmente accederanno, e controllando il flusso del traffico in cerca di una corrispondenza.

Se la corrispondenza viene trovata, si può risalire all'indirizzo IP, vanificandone così l'anonimato.

Sondaggio
Il Garante Privacy ha istituito - ormai da anni - un servizio che in teoria dovrebbe tutelare la privacy dei cittadini iscritti, vietando ai call center di chiamare i loro numeri telefonici. Secondo la tua esperienza, il Registro delle Opposizioni funziona?
Sì. Sono iscritto e non mi scocciano praticamente mai.
Non lo so. Non sono iscritto.
No. Sono iscritto e continuo a ricevere telefonate con proposte commerciali.

Mostra i risultati (3040 voti)
Leggi i commenti (35)

Una qualunque grande organizzazione - sostiene il professore - potrebbe quindi risalire alle identità degli utenti di TOR: i governi potrebbero individuare i dissidenti, per esempio.

Il problema, come spiega Jayson Street di Pwnie Express, è che «gli utenti finali non sanno come configurarlo correttamente - pensano che sia una specie di bacchetta magica. Credo che, una volta che iniziano a usare questo strumento, non devono prendere altre precauzioni. Il che ricorda di nuovo agli utenti che nulla è sicuro al 100%».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Beh, il mio concetto si riferiva all'italia. Chiaro che se c'è una dittatura, il discorso cambia. Leggi tutto
26-11-2014 19:00

{usman}
Non è necessario un regime dittatoriale … in Germania ti beccano eccome!
25-11-2014 20:07

@ R16 Corretto cio' che scrivi, ma purtroppo non e' cosi' in tutto il mondo. Nei paesi a regime dittatoriale per scoprire i dissidenti non si fanno molti problemi...
25-11-2014 19:20

Non è del tutto corretto. Avere identificato un IP non significa nulla. Al massimo puoi individuare la zona in cui si trova quel pc. (e neanche quella in molte circostanze) Il nome ,cognome, indirizzo di casa del proprietario sono anonimi, e per saperli, ci vuole un'ordinanza di un magistrato. Leggi tutto
25-11-2014 18:58

Premetto che non sono un utente TOR, quindi non mi interessa direttamente, noto però che si parla specificatamente di una funzionalità disponibile esclusivamente (mi pare) sui router CISCO e/o compatibili, se nel mezzo finisce un router "altro" che succede? Leggendo un po' come funziona, di fatto è un aggregatore di dati,... Leggi tutto
25-11-2014 07:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto sei dipendente dal tuo smartphone?
Non posseggo uno smart phone.
Spesso lo dimentico e quando lo porto con me a volte lo lascio o lo dimentico spento.
Lo utilizzo con una certa frequenza, ma ne potrei fare a meno.
Per lavoro è un compagno inseparabile, ma alla sera e nei week-end lo spengo volentieri.
Lo porto sempre con me: senza mi sentirei incompleto.

Mostra i risultati (4365 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 dicembre


web metrics