Le previsioni del traffico secondo Microsoft

Bing Maps ora riesce a predire anche il traffico delle strade non monitorate.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-11-2014]

bing maps traffico

Da tempo Bing Maps, il servizio di mappe e pianificazione di itinerari stradali di Microsoft, offre la visualizzazione del traffico.

Per farlo, finora Bing Maps si è basato sui dati ottenuti da fonti "sicure", come le telecamere che monitorano il traffico; adesso, però, è in grado di farlo anche per quelle strade che non forniscono dati diretti.

Si tratta di una funzione che era disponibile soltanto negli Stati Uniti e che ora Microsoft ha deciso di estendere al resto del mondo.

Grazie alla tecnologia Clearflow, Bing Maps è in grado di utilizzare i dati provenienti in tempo reale dalle strade monitorate per stimare il traffico presente sulle strade non monitorate: complessi algoritmi si occupano di formulare delle ipotesi per riempire i "buchi" della mappa.

«Per esempio» - scrive Microsoft nel blog ufficiale - «Bing Maps estrapola i dati del traffico relativi alle rampe d'accesso all'autostrada basandosi sui dati del traffico in tempo reale per l'autostrada stessa e su uqelli delle strade circostanti».

Sondaggio
Pensi che il carpool dinamico (passaggi a utenti che fanno lo stesso percorso organizzandosi via web o smartphone) sia una buona soluzione per diminuire il traffico e abbassare i costi?
E' una buona idea, a patto che sia sicuro, il costo sia basso e non si debba essere legati ad alcun utente.
Non credo che funzionerà in Italia.
Non ne sono sicuro, ma potrebbe funzionare.
Controllerei le referenze dell'autista designato prima di salire sulla sua auto. Ma utilizzerei il servizio.
Parteciperei volentieri perché è un'ottima idea!
Potrei usufruirne, anche per ridurre l'inquinamento, anche se ho la mia auto. Qualche volta potrei fungere da autista.

Mostra i risultati (1623 voti)
Leggi i commenti (16)

Si tratta di un approccio diverso da quello di Google Mpas, che invece si basa sui dati inviati dai dispositivi Android e relativi a velocità e posizione per formulare le proprie previsioni sul traffico.

D'altra parte, se Google può contare sull'ampia diffusione di smartphone e tablet Android, Microsoft deve per forza adottare una strategia diversa, che è accoppiata al sistema Navteq ereditato da Nokia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'algoritmo che rivoluziona il trasporto col taxi sharing
Mappe offline sullo smartphone
Google Maps per escursionisti, trekker e mountain biker
Bing, un telescopio virtuale per le mappe di Microsoft
Bing Maps fa concorrenza a Street View e diventa mobile

Commenti all'articolo (3)

Il monitoraggio, finora, funziona *molto* bene.
1-12-2014 07:40

Statisticamente, mi sembra più affidabile un algoritmo di previsione che il monitoraggio di tutti i dispositivi android. Le distribuzioni di probabilità si usano da secoli, monitorare qualche miliardo di apparecchi android per capire dove sono e dove stanno andando mi sembra abbastanza utopistico. D'altronde solo una prova sul campo ci... Leggi tutto
1-12-2014 04:01

Secondo me non ha certo la stessa validità del sistema Google. Troppe variabili, bisognerebbe capire quanto è affidabile come sistema.
30-11-2014 13:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2154 voti)
Novembre 2020
Flash muore ma i giochini sopravviveranno nell'Internet Archive
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics