L'algoritmo che rivoluziona il trasporto col taxi sharing

I tempi di percorrenza si riducono del 40%.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-04-2015]

taxi sharing

A complicare la già congestionata situazione del traffico nelle grandi città non ci sono soltanto le auto private: anche i taxi concorrono a creare code e ad aumentare l'inquinamento.

La situazione potrebbe migliorare se i percorsi dei taxi fossero ottimizzati: per esempio, i passeggeri disposti lungo uno stesso tragitto (o uno con minime deviazioni) potrebbero condividere la corsa, risparmiando sul prezzo e facendo del bene alla città e all'ambiente.

Perché ciò sia possibile serve uno strumento che abbia in tempo reale la posizione di ogni taxi e calcoli al volo le migliori possibilità di taxi sharing, ossia quelle che non fanno ritardare i passeggeri imponendo lunghe deviazioni.

A questo scopo Carlo Ratti, del Massachusetts Institute of Technology, ha ideato HubCab che, utilizzando una mappa di New York, mostra agli utenti i dati relativi ai taxi della città americana.

Insieme ai colleghi, Ratti ha anche sviluppato un modello matematico per mostrare i benefici della condivisione delle corse in taxi, e ha applicato il metodo ai dati relativi a 150 milioni di corse.

Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (2039 voti)
Leggi i commenti (20)

Puntando a incomodare i passeggeri il meno possibile, Ratti ha scoperto che se questi fossero disposti a tollerare un ritardo non superiore ai 5 minuti si potrebbe condividere il 95% delle corse; riuscendo a raggiungere una combinazione ottimale si ridurrebbero il traffico e l'inquinamento, finendo per far calare i tempi di viaggio del 40%.

«Ovviamente, nessuno dovrebbe essere obbligato a condividere un veicolo» ha commentato Ratti. «Tuttavia, le nostre ricerche mostrano che cosa succederebbe se si offrisse la possibilità di farlo».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I semafori intelligenti che eliminano l'inquinamento
Otto email inquinano quanto un chilometro in auto
Waze nel mirino della polizia stradale
Le previsioni del traffico secondo Microsoft
Il semaforo intelligente che predice e si adegua al traffico

Commenti all'articolo (5)

Quello che fa fede è il tassametro, tempo e km = prezzo finale. Potranno andare come delle lumache, se non hanno altre chiamate, ma se le hanno è un modo per ottimizzare il servizio facendo più corse e dunque aumentando i guadagni. Leggi tutto
9-4-2015 10:58

con il nuovo algoritmo ottimizzeranno il percorso e faranno pagare ad ogni cliente il prezzo intero il problema vero è che siamo governati da gente senza palle che quando i tassisti bloccano una città cala le brache invece di farli portare via con le ruspe Leggi tutto
7-4-2015 07:21

{Marco}
I tassisti vogliono solo soldi, se ne fregano dell'algoritmo non concepiscono nemmeno l'idea di "condividere la corsa, risparmiando sul prezzo e facendo del bene alla città e all'ambiente." Per fortuna ora c'è una valida alternativa e spero che la razza tassinara si estingua presto, per me ora... Leggi tutto
4-4-2015 17:42

{Gambitto}
I tassinari hanno dimostrato ampiamente di che risma sono fatti, dalle ultime vicende di Uber. Fatti, non parole. Quello che gli interessa è la grana. Il resto è fuffa.
4-4-2015 09:24

{Luigi}
I tassisti se ne sbattono dell'algoritmo. Sopratutto se non conosci la città.
2-4-2015 16:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Le proteste che hanno spinto Google a sospendere Street View in alcuni Paesi...
sono giuste: occorrono limiti più seri per salvaguardare la privacy.
sono ingiuste: Street View non danneggia affatto la privacy.

Mostra i risultati (2629 voti)
Aprile 2021
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 11 aprile


web metrics