BitTorrent licenzia 45 impiegati

Rimarrà a casa un terzo dell'intera forza lavoro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-04-2015]

bittorrent licenzia

Era dal 2008 che BitTorrent Inc, l'azienda dietro a BitTorrent e µTorrent, non licenziava; anzi, sembrava che la sua crescita non avesse limiti.

Invece, all'improvviso tra le 40 e le 45 persone, quasi un terzo dell'intera forza lavoro americana, sono state lasciate a casa.

Al momento l'azienda non ha ancora pubblicato un comunicato ufficiale, ma secondo le indiscrezioni a essere colpite dai tagli sarebbero state molte divisioni di BitTorrent, a partire da quella che si occupa della pubblicità; buona parte del lavoro di sviluppo sarebbe stata spostata al gruppo di Minsk, e anche un dirigente senior avrebbe perso il posto.

Commentando la notizia con BuzzFeed, un portavoce ha affermato che «di recente abbiamo ridefinito le risorse basandoci su una valutazione periodica delle attività. Purtroppo, ciò ha comportato alcuni licenziamenti. L'azienda resta comunque sana, in crescita e capace di generare profitti».

Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2443 voti)
Leggi i commenti (7)

Pare che le cose stiano però diversamente, almeno a dare retta alla fonte anonima citata da TorrentFreak secondo la quale «lo scopo di tutto ciò è risparmiare e cercare di tornare a generare utili; l'azienda ha aumentato il numero di dipendenti troppo velocemente e basandosi su previsioni di guadagno che si sono dimostrate lontane dalla realtà. Il morale, come si può immaginare, al momento è piuttosto basso».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Sony voleva comprare BitTorrent
uTorrent mina Bitcoin senza il consenso dell'utente
Un BitTorrent anonimo, decentralizzato e impossibile da chiudere
BitTorrent vuole la certificazione RIAA
BitTorrent Bleep, telefonia cifrata sul peer to peer
Il cloud di BitTorrent è decentralizzato

Commenti all'articolo (1)

Francamente di un'azienda che licenzia, di punto in bianco, un terzo della forza - alla faccia di alcuni licenziamenti - lavoro faccio veramente fatica a crederlo... :? :roll: Leggi tutto
28-4-2015 18:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2517 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics