Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli

L'unico autorizzato è il produttore, che li concede in licenza d'uso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-04-2015]

trattori licenza software copyright

Prendersi la briga di leggere le licenze d'uso dei software proprietari che installiamo sui nostri PC porta a scoperte interessanti: per esempio si apprende che non siamo padroni del programma che abbiamo acquistato, ma abbiamo soltanto ottenuto il diritto di usarlo in licenza.

Se questa situazione è ormai da tempo la norma nel mondo dei computer, e la maggior parte delle persone pare rassegnata a non poter considerare "suo" ciò che ha acquistato, per il resto degli oggetti le cose sembrano continuare ad andare come prima: se compro una penna, quella penna è mia e posso farci quello che voglio; idem se compro una lavastoviglie, un armadio, o un'auto.

Invece no: almeno per quanto riguarda le auto, le leggi sul copyright sono arrivate anche lì insieme alla sempre maggior dose di informatica che viene inserita nei veicoli per controllare i vari sistemi.

In fondo, basta pensarci su un momento: nei veicoli moderni ci sono veri e propri computer deputati a gestire i sistemi di bordo, dall'iniezione alla riproduzione di contenuti multimediali; e le leggi sul copyright e sulle licenze d'uso, che abbiamo imparato a conoscere sui PC, sono arrivate anche qui.

Negli ultimi tempi questo fenomeno, che non è certo iniziato oggi, ha iniziato a rendere evidente le conseguenze: è di poco tempo fa la notizia che Ford ha denunciato Autel per violazione del copyright.

Autel è un'azienda che ha sviluppato un software diagnostico da utilizzare anche sulle auto della Casa americana per trovare problemi e guasti; ebbene, Ford sostiene che la lista dei componenti dell'auto è protetta dal copyright e che Autel, estraendola dal codice del software di Ford, ha violato il diritto d'autore di quest'ultima.

Non si tratta di un caso isolato. Il produttore di trattori agricoli John Deere ha fatto sapere che i contadini non sono autorizzati a mettere mano ai mezzi che hanno acquistato, ma nel caso sia necessario apportare modifiche o sistemare guasti devono rivolgersi a un meccanico autorizzato.

Il motivo sta nel fatto che c'è una «licenza implicita» sul software installato nei trattori, che viene per l'appunto concesso in licenza ma non venduto: dunque soltanto chi è autorizzato a intervenire su di esso può farlo, e l'acquirente non rientra in questa categoria.

Sondaggio
Ad alta quota, secondo te, qual il comportamento pi fastidioso?
Il passeggero della fila avanti che reclina lo schienale, senza nemmeno girarsi e avvisarti gentilmente.
Il passeggero della fila dietro che punta le piante dei piedi (o le ginocchia) nella parte alta del sedile.
I bambini che urlano ripetutamente o infastidiscono gli altri passeggeri, senza che i genitori intervengano.
Il passeggero che puzza di sudore.
Il passeggero che ascolta la musica ad alto volume.
Il passeggero che si ubriaca in volo.
Il passeggero che cerca di psicanalizzarti... per tutto il viaggio.
Il passeggero che si allarga sui braccioli del vicino.
I passeggeri che amoreggiano durante il volo.
Il passeggero che cerca di rimorchiare.

Mostra i risultati (2353 voti)
Leggi i commenti (17)

Cambia così il concetto di proprietà: il contadino che acquista un trattore da John Deere non diventa proprietario dell'intero trattore, ma soltanto della "carcassa"; il software resta dell'azienda.

Per essere sicura che le cose vadano in questo modo, John Deere si è unita a General Motors nel chiedere al Copyright Office americano che si renda evidente il fatto che l'acquisto di un trattore o di un'auto non si traduce immediatamente nell'avere la proprietà sull'oggetto intero.

A quanto pare, sono sempre di più i costruttori di automobili che si comportano in questo modo, invocando negli usa il DMCA e in Europa la direttiva europea sul diritto d'autore, impedendo così per vie legali a chiunque di modificare le parti di qualcosa che pure hanno acquistato.

I produttori difendono la propria posizione affermando che trafficare con le complicate impostazioni software può rendere un'auto più inquinante e meno sicura, dato che ormai è il software a gestire tutto quanto: dopotutto - si chiedono i produttori - se lasciassimo a tutti libero accesso e un'auto "manomessa" dal proprietario avesse un incidente, la colpa sarebbe di chi è intervenuto sul software o del produttore?

Vista da questa prospettiva, il fatto che la conseguenza di tutto ciò sia costringere gli acquirenti a rivolgersi soltanto alle officine autorizzate finirebbe quindi con l'essere soltanto uno spiacevole effetto collaterale, del quale sicuramente i produttori non sono troppo dispiaciuti.

La rivoluzione del concetto di proprietà, partita dal software e ormai ben evidente anche per quanto riguarda la musica, i film e i libri (limitati da protezioni anticopia) è quindi definitivamente approdata anche nel mondo fisico: quando compriamo qualcosa, non possiamo più dire che questa cosa è "nostra".

«Compreresti un'auto col cofano sigillato?» chiedeva Red Hat qualche anno fa, e pareva soltanto una provocazione; sembra che tra non molto non ci sarà scelta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Una taglia più alta per i pirati al cinema
L'autoradio dell'auto a noleggio infrange il copyright?
Tour Eiffel di notte? Le foto violano il copyright
L'azienda col copyright del 97% dello scibile umano
Canzone vecchia di 80 anni, Warner fa causa a un bar

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

{ictuscano}
@zifrid Mi riservo di ricercare tra le mie fonti "serie", come per esempio l'Informatore Agrario -rivista per l'agricoltore professionale - a cui sono abbonato.. ma ho il dubbio che tu non hai compreso l'articolo. Ritengo che la normativa UE riguarda la VENDITA di sementi: in sostanza, vietata la VENDITA di sementi da parte... Leggi tutto
7-5-2015 21:59

{zifrid}
@ ictuscano: hai letto il contenuto dell'articolo che hai linkato? La fretta è una cattiva consigliera...
2-5-2015 22:35

{yksmohc}
E' vero che in questo forum prevale l'informatica, ma mi sembra che nessuno si sia accorto che in un modo o nell'altro il contadino lo prenderà un'altra volta in quel posto. E qundo il contadino lo prende, il risultato si sparge su tutta la popolazione. Ricordo che l'agricoltura è un compartimento... Leggi tutto
2-5-2015 22:30

{Script Box}
"Qentis" un sito-bufala. link
30-4-2015 20:47

{ictuscano}
@merlin Credo di avere compreso il tuo pensiero, diciamo che posso concordare. Comunque, per quanto riguarda la questione della "legge genetica", non intendevo dire che è una legge che produca meno, in teoria potrebbe anche produrre di più: volevo dire che i semi prodotti secondo le regole della genetica,... Leggi tutto
30-4-2015 20:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa ne pensi del ritocco digitale dei film classici (non solo di fantascienza)?
E' un falso storico; i film vanno visti come furono girati.
E' necessario, per evitare che certi film vengano dimenticati.
Va bene, basta che sia indicato chiaramente.
Non me ne pu fregar di meno.

Mostra i risultati (3122 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics