UK: 10 anni di carcere per file sharing su Internet

Per il governo britannico la pirateria online va punita come il furto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-07-2015]

pirateria prigione uk 10 anni

Dieci anni di prigione ai pirati: è questa la proposta che l'Intellectual Property Office (IPO) del Regno Unito ha avanzato per rinnovare la legge britannica sul copyright.

L'idea è equiparare il reato fisico a quello virtuale: chi vende DVD pirata rischia per l'appunto la prigione sino a 10 anni, mentre chi favorisce la pirateria via Internet rischia soltanto due anni; di qui, l'idea di comminare la medesima pena.

Il paragone appena illustrato rende anche evidente come nel mirino non ci siano i singoli utenti che scaricano file da Internet ma piuttosto lo sfruttamento «commerciale» della pirateria.

La proposta dell'IPO mira infatti a colpire i gestori dei siti che ospitano illegalmente materiale protetto dal diritto d'autore e guadagnano dagli spot pubblicitari.

Il Ministro per la Proprietà Intellettuale, la baronessa Neville-Rolfe, ha dichiarato in proposito: «Il governo prende molto sul serio i reati relativi al diritto d'autore: danneggiano gli affari, i consumatori e in generale sia l'economia online sia l'economia offline. La nostra industria creativa vale più di 7 milioni di sterline per l'economia del Regno Unito ed è importante proteggerla dalle imprese criminali online».

Sondaggio
Come ti comporti quando ricevi una "bufala" via email?
A costo di cancellare anche avvisi potenzialmente veri, straccio tutto appena arriva.
Li leggo e inoltro solo quelli che ritengo potenzialmente veri, ma all'atto pratico non me ne curo.
Inoltro quelli veri e ne seguo le indicazioni.
Ma quali bufale? Ho appena vinto 1.000.000 di euro rispondendo a una email.
Io stesso ho messo in circolazione qualche bufala.

Mostra i risultati (3286 voti)
Leggi i commenti (23)

Le fa eco il consigliere del Primo Ministro per la proprietà intellettuale, Mike Weatherley: «C'è una diversità di pena tra i crimini online e quelli offline, ed è necessaria un'armonizzazione. Lo stato attuale invia dei messaggi sbagliati. Fino a che non cambierà, il crimine online verrà visto come meno importante rispetto al furto tradizionale».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Purtroppo hai ragione Roberto e il dramma è che, in questa situazione, una azienda che non diventa grande, potente e prevaricatrice prima o poi chiude o viene fagocitata... :twisted:
24-7-2015 17:16

La realtà è che i margini di guadagno delle corporation sono spropositatamente alti. E tanti soldi significano lobbismo, corruzione e asservimento del ceto politico ai propri interessi, contrari agli interessi della collettività. L'interesse della collettività sarebbe uno solo: chiudere tutte le aziende al di sopra di una certa... Leggi tutto
23-7-2015 15:07

Quindi se qualcuno mi becca a scaricare lo uccido. Come assassino farei solo pochi anni di carcere.
23-7-2015 13:21

Giusto, non hanno il senso della misura questi lacchè! Inoltre la "baronessa" dovrebbe spiegarmi come, quando dice "i reati relativi al diritto d'autore: danneggiano gli affari, i consumatori e in generale sia l'economia online sia l'economia offline", la pirateria danneggerebbe i consumatori. :evil: Leggi tutto
23-7-2015 11:36

senza i film caricati non avrei mai conosciuto woody allen ne sarei mai stato al cinema a vedere i suoi film...
23-7-2015 09:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La rete ha reso famosi due personaggi per certi versi simili anche se molto diversi: secondo te chi è il più grande?
Julian Assange. Prende informazioni dalle grandi aziende e dai governi e le rende pubbliche gratuitamente. È stato accusato - tra le altre cose - di terrorismo.
Mark Zuckerberg. Prende informazioni e dati personali e li vende alle grandi aziende e ai governi. È diventato l'uomo dell'anno.

Mostra i risultati (2070 voti)
Agosto 2022
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 agosto


web metrics