Falla in Mac OS X, per hackerarlo basta un tweet

Acquisire i privilegi di root è un gioco da ragazzi: è sufficiente un comando che non supera la lunghezza di un cinguettio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-07-2015]

os x yosemite falla

Basta un brevissimo comando, tanto breve da stare in un tweet, per ottenere i privilegi di root in Mac OS X.

La vulnerabilità è presente in OS X 10.10 Yosemite, l'ultima versione stabile del sistema operativo di Apple, mentre pare non interessare OS X 10.11 El Capitan, attualmente in beta.

Il problema è dovuto a una variabile d'ambiente introdotta proprio in Yosemite e chiamata DYLD_PRINT_TO_FILE, il cui scopo è permettere al linker dinamico dyld di poter salvare i messaggi di errore in un file scelto arbitrariamente anziché sullo standard error.

Un bug nell'implementazione permette, sfruttando tale variabile, di consentire a dyld di scrivere su qualsiasi file del file system, compresi quelli che l'utente non avrebbe la possibilità di modificare.

Un utente che abbia fatto login nel sistema o un malware può quindi sfruttare il per modificare i file di sistema, compreso quello che elenca gli utenti che possiedono i privilegi di amministratore.

I dettagli sono stati descritti da Stefan Esser, il quale su Twitter ha pubblicato un comando che permette di sfruttare con facilità il bug.

Sondaggio
Quanto spam ricevi in media ogni giorno?
Uno o due messaggi
Meno di dieci messaggi
Tra i dieci e i venti messaggi
Tra i venti e i cinquanta messaggi
Tra i cinquanta e i cento messaggi
Tra i cento e i cinquecento messaggi
Oltre cinquecento messaggi

Mostra i risultati (3466 voti)
Leggi i commenti (13)

Tale comando consente all'utente con il quale è stato effettuato il login di ottenere i privilegi di root, senza bisogno di inserire una password.

Sebbene Apple abbia risolto il problema nella beta di El Capitan, esso è ancora presente nella beta della prossima versione di Yosemite, la 10.10.5; non è dato sapere se l'azienda di Cupertino, soprattutto ora che la vulnerabilità è diventata di dominio pubblico, intenda applicare la correzione anche a Yosemite.

A chi non vuole aggiornare il proprio Mac alla beta di El Capitan Esser suggerisce di installare SUIDGuard e commenta: «Quindi Apple fornisce correzioni di sicurezza nelle versioni beta dei prodotti futuri, ma non corregge le versioni attuali o le beta degli attuali aggiornamenti minori».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Mac sempre più vulnerabili ad attacchi Man in the middle
Malware, attacchi al Mac moltiplicati nel 2015
Mac vulnerabili anche dopo la riformattazione del disco
Falla in MacKeeper, a rischio milioni di utenti Apple

Commenti all'articolo (3)

{utente anonimo}
Twitter non c'entra nulla, e la falla non è sfruttabile via twitter. Bisogna avere accesso fisico alla macchina.
2-8-2015 22:42

{utente anonimo}
so che non c'entra tantissimo, però... link
24-7-2015 18:18

{utente anonimo}
credo che reinstallerò OS X 10.8 ... da Mavericks. in poi solo problemi
24-7-2015 18:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2247 voti)
Settembre 2019
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Tutti gli Arretrati


web metrics