Falla in Mac OS X, per hackerarlo basta un tweet

Acquisire i privilegi di root è un gioco da ragazzi: è sufficiente un comando che non supera la lunghezza di un cinguettio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-07-2015]

os x yosemite falla

Basta un brevissimo comando, tanto breve da stare in un tweet, per ottenere i privilegi di root in Mac OS X.

La vulnerabilità è presente in OS X 10.10 Yosemite, l'ultima versione stabile del sistema operativo di Apple, mentre pare non interessare OS X 10.11 El Capitan, attualmente in beta.

Il problema è dovuto a una variabile d'ambiente introdotta proprio in Yosemite e chiamata DYLD_PRINT_TO_FILE, il cui scopo è permettere al linker dinamico dyld di poter salvare i messaggi di errore in un file scelto arbitrariamente anziché sullo standard error.

Un bug nell'implementazione permette, sfruttando tale variabile, di consentire a dyld di scrivere su qualsiasi file del file system, compresi quelli che l'utente non avrebbe la possibilità di modificare.

Un utente che abbia fatto login nel sistema o un malware può quindi sfruttare il per modificare i file di sistema, compreso quello che elenca gli utenti che possiedono i privilegi di amministratore.

I dettagli sono stati descritti da Stefan Esser, il quale su Twitter ha pubblicato un comando che permette di sfruttare con facilità il bug.

Sondaggio
Quanto spam ricevi in media ogni giorno?
Uno o due messaggi
Meno di dieci messaggi
Tra i dieci e i venti messaggi
Tra i venti e i cinquanta messaggi
Tra i cinquanta e i cento messaggi
Tra i cento e i cinquecento messaggi
Oltre cinquecento messaggi

Mostra i risultati (3545 voti)
Leggi i commenti (13)

Tale comando consente all'utente con il quale è stato effettuato il login di ottenere i privilegi di root, senza bisogno di inserire una password.

Sebbene Apple abbia risolto il problema nella beta di El Capitan, esso è ancora presente nella beta della prossima versione di Yosemite, la 10.10.5; non è dato sapere se l'azienda di Cupertino, soprattutto ora che la vulnerabilità è diventata di dominio pubblico, intenda applicare la correzione anche a Yosemite.

A chi non vuole aggiornare il proprio Mac alla beta di El Capitan Esser suggerisce di installare SUIDGuard e commenta: «Quindi Apple fornisce correzioni di sicurezza nelle versioni beta dei prodotti futuri, ma non corregge le versioni attuali o le beta degli attuali aggiornamenti minori».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Mac sempre più vulnerabili ad attacchi Man in the middle
Malware, attacchi al Mac moltiplicati nel 2015
Mac vulnerabili anche dopo la riformattazione del disco
Falla in MacKeeper, a rischio milioni di utenti Apple

Commenti all'articolo (3)

{utente anonimo}
Twitter non c'entra nulla, e la falla non è sfruttabile via twitter. Bisogna avere accesso fisico alla macchina.
2-8-2015 22:42

{utente anonimo}
so che non c'entra tantissimo, però... link
24-7-2015 18:18

{utente anonimo}
credo che reinstallerò OS X 10.8 ... da Mavericks. in poi solo problemi
24-7-2015 18:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1672 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics