Le email che si autodistruggono dopo l'invio, anche a comando

Si può impostare una scadenza temporale per ciascun messaggio, ma anche revocare l'accesso a quelli già spediti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-07-2015]

gmail dmail autodistruzione

«Questo messaggio si autodistruggerà entro 10 minuti»: questa frase alla Missione Impossibile era finora inapplicabile alle email che, una volta spedite, non possono più essere richiamate.

Certo, Gmail consente di annullare l'invio di un messaggio entro 30 secondi dalla spedizione, ma spesso mezzo minuto non è sufficiente per rendersi conto di aver fatto un errore a mandare quella email.

Dmail cambia definitivamente tutto ciò. Si tratta di un'estensione per Chrome che è in grado di rendere illeggibile un'email già spedita tramite Gmail, indipendentemente dal tempo trascorso dal suo invio. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Che rapporto hai con il backup? Con che frequenza lo fai?
Ogni giorno
Ogni settimana
Solo una volta al mese
Quando mi ricordo
Praticamente mai

Mostra i risultati (1877 voti)
Leggi i commenti (22)
Quando si spedisce un messaggio da Gmail utilizzando Dmail si può impostare un tempo massimo trascorso il quale il messaggio stesso diventerà illeggibile; oppure si può decidere di revocare manualmente l'accesso all'email da parte del destinatario in un secondo tempo.

Ciò è possibile perché Dmail crittografa l'email con un algoritmo a 256 bit prima di spedirla; il messaggio quindi viene salvato sui server di Dmail in forma crittografata e quindi illeggibile da chi non ha la chiave.

Il destinatario, invece del testo dell'email, riceve un link tramite il quale accedere al messaggio e una chiave che viene utilizzata automaticamente per decrittare il testo.

Se il destinatario utilizza anch'egli Dmail allora vedrà il messaggio apparire all'interno di Gmail, in maniera del tutto trasparente.

dmail

Trascorso il tempo impostato dal mittente, oppure se quest'ultimo decide di revocare l'accesso, da quel momento il destinatario non avrà più modo di leggere il messaggio.

Dmail è stato sviluppato da alcuni membri del team di Delicious e per ora funziona soltanto con Gmail; lo sviluppo è però tuttora in corso e tra gli obiettivi ci sono la compatibilità con altre piattaforme, una applicazione per iOS e una per Android, e la possibilità di cifrare anche i documenti allegati.

send img

Alla fine, Dmail dovrebbe trasformarsi in un servizio freemium: le funzionalità di base saranno disponibili a tutti, mentre le opzioni avanzate saranno accessibili soltanto dopo il pagamento di una quota.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Gmail ora permette di richiamare una mail spedita

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Quindi questo giochetto costringerebbe tutti a stampare le mail ricevute in pdf per avere le prove nel caso in cui il furbetto di turno ci ripensasse e la rendesse illeggibile? Naaaahhhhhhhhh. :roll:
3-8-2015 14:49

Se stampi su PDF, quello che vedi a video finisce nel PDF :o Leggi tutto
1-8-2015 10:15

Come han fatto notare altri utenti, se per puro caso una mail del genere non venisse filtrata dal mio antispam, vedendo un link in una mail tutto farei, tranne cliccarci sopra..... altrimenti sì che qualcosa di criptato ci sarebbe, ma si tratterebbe dei miei dati da parte di qualche cryptolocker :D
31-7-2015 08:25

Stampiamo tutte le mail su carta?
30-7-2015 17:05

E poi le decripti da solo? ;)
30-7-2015 16:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2325 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 settembre


web metrics