In prova: Dragon Naturally Speaking 13

IL TEST DI ZEUS - Le nuove edizioni Premium e Professional del software di riconoscimento vocale presentano miglioramenti su tutti i fronti: la tastiera è ormai obsoleta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-08-2015]

1

Alcuni anni fa un rappresentante di Nuance ebbe a riferire a Zeus News che ormai del riconoscimento del parlato si sapeva quasi tutto. Intendemmo, allora, che non fosse più possibile migliorare un prodotto già eccellente di per sé; ma non era così.

Quella frase andava probabilmente interpretata in maniera più sottile e raffinata: il nostro interlocutore intendeva "conoscere" nel senso di capire come funzionano i meccanismi del riconoscimento ma lasciava intendere che nel campo dell'implementazione e della messa a punto la strada era invece ancora lunga, il traguardo lontano e gli spazi di sviluppo ampi. I fatti dimostrano che aveva pienamente ragione.

A distanza di due anni dalla presentazione della release 12, Nuance rilascia la nuova versione di Dragon Naturally Speaking che, non esitiamo a dirlo, rappresenta un vero balzo in avanti nel settore.

Il riconoscimento vocale è un campo quasi del tutto desolato, per non dire deserto, tenendo conto che gli unici due prodotti concorrenti, quelli di Philips e IBM, non esistono praticamente più: del primo non si hanno notizie da tempo; il secondo è stato acquisito dalla stessa Nuance, che ha dedicato al suo successivo sviluppo ben poche risorse, fino a farlo scomparire.

Dragon Naturally Speaking 13 rappresenta una potente evoluzione della versione precedente, grazie a evidenti migliorie sia nel riconoscimento in sé sia nella rapidità di intervento e grazie anche alla possibilità di sfruttare sistemi multiprocessore nei quali è lo stesso prodotto che sceglie le risorse disponibili e le assegna alle differenti funzioni.

Approfittando di questa occasione, Nuance ha rinnovato anche l'interfaccia, meglio orientata all'utente e certamente più intuitiva.

Due sono le caratteristiche di punta che fin dall'inizio saltano agli occhi: la prima è la qualità dell'acquisizione del parlato che, come afferma il produttore, è migliorata del 6%: con voce chiara e ben articolata, il software può facilmente raggiungere un livello di errore inferiore all'1%.

Sondaggio
Qual Ŕ la cosa peggiore per un programmatore?
La modifica delle specifiche
I clienti
Debuggare
Scrivere documentazione
Il codice scritto da altri
La fase di test

Mostra i risultati (3670 voti)
Leggi i commenti (10)

Basti pensare che per scrivere questo articolo, utilizzando una libreria ereditata dalla versione 12, abbiamo rilevato alla fine solo 7 errori, sebbene l'autore abbia una voce nasale e sia incline a borbottare.

L'altra opzione interessante è che, superata l'indispensabile messa a punto del microfono, non è obbligatorio passare alla lettura di un brano "di addestramento" per consentire al programma di abituarsi alla voce dell'utente sebbene quest'operazione sia, prima o poi, almeno consigliabile.

Molto più veloce rispetto alla versione precedente è anche l'acquisizione/importazione di vocaboli da documenti, congiuntamente a una più rapida e intuitiva gestione dell'ottimizzazione. Da notare ancora la disponibilità di una finestra di aiuto (Centro di apprendimento) più "intelligente" e meglio interattiva.

3

Tutte le versioni gestiscono una vasta messe di microfoni e cuffie (anche Bluetooth) ivi compresi quelli presenti nei laptop, di tipo built-in. Inoltre il sistema impara anche da applicazioni di posta web-based come Gmail, Outlook e Yahoo!Mail.

Sono supportati interattivamente i più diffusi browser (Internet Explorer, Chrome e Firefox sono citati esplicitamente, ma non abbiamo avuto problemi a usare il software con Opera) e il programma si può agevolmente usare in OpenOffice Writer 4.1.

Dragon Naturally Speaking è disponibile in varie edizioni: Home (di base, destinata a un utente non particolarmente esigente), Professional, Premium, Mobile (con incluso un registratore digitale portatile) e Wireless, che abbandona la cuffia col filo per utilizzare un prodotto Bluetooth. Tutte sono pronte per Windows 10.

Se quanto detto finora era valido sia per la versione Premium che per la versione Professional (e, per quanto riguarda la qualità del riconoscimento e per il vasto supporto hardware e software, anche per tutte le altre), vediamo ora alcune particolarità di quest'ultima, che si caratterizza per un costo sensibilmente più alto ma anche per una maggiore quantità di funzioni offerte.

La versione Professional è infatti ben più sofisticata (delle altre. Qui l'automazione delle funzioni è spinta al massimo grado: in pratica, se lo si desidera, l'unica operazione richiesta all'utente è l'accensione del PC. Il produttore definisce questo prodotto "a dimensione aziendale", ambiente per il quale rispetta i requisiti di accessibilità e conformità.

4

Praticamente qualsiasi funzione del PC e del programma può essere eseguita a voce: la ricerca di documenti, l'apertura di programmi o file, la correzione avanzata con immediata compitazione, la creazione di comandi personali, la gestione completa dello schermo, della tastiera, del mouse e della navigazione sul Web.

La confezione Professional include una cuffia differente da quella disponibile nella versione Premium, di qualità e di livello più avanzati oltre che di design differente: si tratta del modello HS-GEN 25, mentre nelle versioni minori troviamo la HS-GEN C; la differenza sta soprattutto sulla banda audio coperta.

Nella versione Professional è disponibile anche la funzione Connessione desktop remoto, che permette di dettare da un computer su cui non sia installato il software di Nuance (per sfruttare questa funzione è necessario disporre di Windows Server 2012).

5

Oltre ai registratori mobili (utili, per esempio, quando si vuole rimandare una trascrizione a un secondo momento), per la dettatura è anche possibile adottare uno smartphone.

In ogni caso il costo della versione Professional, senz'altro elevato, resta giustificato dall'elevata qualità dell'ambiente e dalla disponibilità delle funzioni aggiuntive.

Spendiamo qualche parola sull'assistenza, che come motto ha «Dragon non vi lascerà mai senza parole!»: il servizio è pronto, immediato e fornisce (telefonicamente e in italiano) soluzioni efficaci e dirette.

Un forum per gli utenti consente di cercare risposte, acquisire trucchi d'uso, scoprire soluzioni tecniche di personalizzazione. Nel caso di problematiche più complesse, una richiesta di help via email riceve generalmente la risposta lo stesso giorno, o al massimo il giorno successivo.

Nel DVD di installazione non è compreso un manuale utente completo, che però è possibile scaricare online.

Ricordiamo che Dragon Naturally Speaking è disponibile anche per Mac, in una versione unica dal prezzo di 179 euro IVA compresa.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Specifiche tecniche e giudizio della redazione

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)


{rototec}
Ho provato il prodotto nella versione pro, ma non l'ho acquistato perché non così utile nel mio lavoro, a causa del rapporto prezzo/prestazioni tipico del monopolista.
19-8-2015 21:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilitÓ di navigare col Wi-Fi in Internet. Secondo te...
╚ una novitÓ giusta e moderna.
╚ un obbligo (costoso) in pi¨, da evitare.
Ottimo, ma si dovrebbero prevedere degli sconti fiscali per l'esercente.
La connessione sarÓ lenta, e poi con gli smartphone il Wi-Fi chi lo usa oggi?
Non mi interessa.
Non saprei.

Mostra i risultati (2433 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics