YouTube fa guerra a Spotify e Netflix

La popolare piattaforma video lancerà due servizi a pagamento entro la fine dell'anno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-09-2015]

youtube servizi pagamento

Entro la fine dell'anno, YouTube affronterà una trasformazione radicale, affiancando all'offerta gratuita due nuovi servizi a pagamento.

Di questa possibilità si parla da un po', ma stando a quanto riporta The Verge a quanto pare ormai ci siamo.

Dei due servizi a pagamento che debutteranno entro la fine del 2015 uno è l'attuale Music Key, che verrà esteso a tutto il mondo uscendo dalla fase beta; l'altro ancora non ha un nome e sarà rivolto ai creatori di contenuti premium, e sarà protetto da un paywall.

L'idea di YouTube è fornire due - anzi tre, considerando anche i video gratuiti - pacchetti diversi per venire incontro alle esigenze dei diversi tipi di utenti.

Per chi non vuole sborsare neanche un centesimo, ci saranno i video offerti gratuitamente: si tratterà delle produzioni amatoriali, i video caricati dagli utenti "normali", ossia quelli che hanno fatto la fortuna di YouTube sin da subito; inoltre dovrebbero restare i contenuti professionali, che fungeranno anche da richiamo verso le offerte a pagamento, accessibili però soltanto dopo essersi sorbiti la giusta dose di pubblicità.

Per gli appassionati di musica che detestano le interruzioni pubblicitarie ci sarà Music Key, che offrirà musica in streaming senza spot dietro il pagamento di una quota mensile (probabilmente resteranno i 9,99 dollari già richiesti attualmente).

Infine, ci saranno i contenuti premium accessibili soltanto a pagamento (il paywall di cui parlavamo poc'anzi), ovviamente senza pubblicità: in questa categoria potrebbero rientrare film, documentari, serie televisive e in generale tutta un'offerta di contenuti tale da fare invidia - e concorrenza - a Netflix. Pare inoltre che i video accessibili in questo modo possano essere salvati per la visione offline, e che in futuro appariranno canali tematici, come quelli dedicati ai bambini o ai videogiocatori.

Sondaggio
Qual è la strategia ''mobile'' per il tuo web business?
Nessuna, spero che il traffico mobile diminuisca.
La versione mobile del mio sito.
Sto studiando il mobile proprio in questo periodo.
Non ho ancora piani o strategie.
Offrire app gratuite.
Sviluppare app da vendere.

Mostra i risultati (439 voti)
Leggi i commenti

YouTube si appresterebbe quindi davvero a trasformarsi in qualcosa di diverso e più complesso rispetto a ciò che conosciamo, diventando un centro multimediale completo e arrivando a generare profitti per Google con un modello di business che, sulla carta, dovrebbe essere solido. Perché ciò si avveri occorre naturalmente che i detentori dei diritti collaborino con YouTube e, naturalmente, che quanto proposto piaccia agli utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
YouTube, arriva lo streaming di musica in abbonamento

Commenti all'articolo (2)

Tranquillo mio piccolo ligure dal braccio cortissimo, nessuno ti obbligherà a spendere un centesimo su una piattaforma che da sempre hai seguito e ti ha divertito, pertanto puoi stare tranquillo. in mezzo alle tipologie di video da te citate trovi comunque materiale di qualità ed anche qui nessuno ti obbliga a guardare un video che non... Leggi tutto
2-9-2015 02:25

{Federico}
Che merda che sta diventando YouTube. Un tempo era tutto molto piú semplice. Adesso introducono ste cose a pagamento che sono solotanto delle trappole. Ti fanno spendere un sacco di soldi, quando ci sono dei servizi per la musica completamente gratuiti come SoundCloud o MixCloud. Mi manca la YouTube del 2008,quando tu ti... Leggi tutto
1-9-2015 11:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1520 voti)
Febbraio 2019
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
I dipendenti del social network sanno tutto. E se la ridono
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Tutti gli Arretrati


web metrics