La rectenna che cattura la luce e la trasforma in elettricità

Permetterà di costruire celle solari due volte più efficienti e dieci volte meno costose.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-10-2015]

rectenna ottica

Una rectenna, composta da un diodo rettificatore e da una antenna, è un'antenna in grado di convertire le microonde direttamente in corrente continua. Una rectenna ottica è un dispositivo che fa lo stesso con la luce, e finora esisteva soltanto come teoria.

Alcuni ricercatori del Georgia Institute of Technologya sono riusciti a creare una rectenna ottica usando nanotubi di carbonio che, come minuscole antenne, catturano la luce e generano una piccola carica oscillante; all'interno dei nanotubi ci sono dei minuscoli diodi rettificatori attraverso i quali la carica si muove e che, attivandosi e disattivandosi con la frequenza di 1 PHz, generano una piccolissima corrente continua. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale di queste professioni obsolete secondo te ha ancora un futuro?
Agente di viaggio. C'è ancora qualcuno che prenota le vacanze in agenzia? (Parrebbe di sì)
Cassiera di supermercato. Sostituita dalle casse automatiche e dalla spesa online. (Ma i clienti rimangono affezionati al vecchio sistema)
Centralinista. Sostituito dai centralini digitali. (Eppure resiste in molte aziende)
Data entry. Mai sentito parlare di scanner e OCR? (Invece c'è chi inserisce ancora tutto a mano)
Dattilografo. I dirigenti moderni gestiscono il proprio blog, non dettano più gli appunti a una segretaria; al massimo usano il riconoscimento vocale. (Ma esistono davvero dirigenti... moderni?)
Impiegato di banca allo sportello. Con i conti online è una figura sempre meno utile. (Però in banca tutti lo cercano)
Giornalista. Con Google News, Facebook, Twitter e i blog, c'è ancora bisogno di loro? (Almeno dei migliori, evidentemente sì)
Postino. Con la posta elettronica, la posta tradizionale va diminuendo sempre più. (Ma ci vuole sempre qualcuno che la consegni)

Mostra i risultati (2482 voti)
Leggi i commenti (9)
Il dispositivo creato dai ricercatori ha un'efficienza di appena l'1%, e tuttavia la sua costruzione apre tutta un'importante serie di possibilità: generare energia elettrica dalla luce con una rectenna è molto più semplice rispetto a quanto sia con i pannelli fotovoltaici, poiché si possono evitare tutti i numerosi passaggi intermedi.

Inoltre i ricercatori ritengono di poter sviluppare dei modi per aumentare drasticamente l'efficienza della rectenna. «Pensiamo di poter ridurre la resistenza di diversi ordini di grandezza semplicemente migliorando la costruzione delle strutture del dispositivo. Basandoci sul lavoro di altri e sulla teoria, crediamo che questi dispositivi possano arrivare sino a un'efficienza del 40%».

«Alla fine potremo creare delle celle solari che sono due volte più efficienti e che costano dieci volte meno, e questa secondo me è un'opportunità per cambiare il mondo in maniera davvero enorme» spiega Baratunde Cola, uno dei ricercatori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La finestra solare 50 volte più efficiente dei pannelli tradizionali
La batteria al rabarbaro che costa poco e non inquina
Gli specchi solari che inseguono il sole
L'auto con le ruote che generano energia
Pannelli solari più efficienti e meno costosi
La batteria al grafene che estrae l'idrogeno dall'aria

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino è generalmente personale, spesso il tablet è condiviso in casa. E' così?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1786 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics