Le auto a guida automatica di Nissan e Mercedes Benz

Da veicoli a salotti su ruote, con sistemi di sicurezza avanzati e naturalmente a emissioni zero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-11-2015]

Nissan IDS concept 1011

È periodo di annunci per le grandi case automobilistiche, che stanno svelando i progetti e le idee che vorrebbero mettere in campo nei prossimi anni. Già abbiamo parlato della proposta di Toyota per una mobilità basata sull'idrogeno, e ora vediamo che cosa Nissan e Mercedes propongono per quanto riguarda i veicoli a guida automatica.

La Casa giapponese vede un 2020 popolato di auto che si guidano da sole, e all'ultimo Salone dell'Auto di Tokyo ha svelato l'aspetto che questi veicoli avranno, mostrando la nuova IDS.

La IDS è un'auto elettrica basata sul Nissan Intelligent Driving System che, a detta dell'azienda, «migliora le capacità visive, di ragionamento e di reazione di chi guida. Compensa l'errore umano, che è causa di oltre il 90% di tutti gli incidenti automobilistici».

L'interno dell'abitacolo può essere configurato in due modi diversi: il primo è quello dedicato alla guida normale, in cui è la persona al volante a prendere il controllo dell'auto, mentre il secondo è quello dedicato alla guida autonoma. In questo secondo caso, i quattro sedili individuali di cui è dotato il veicolo si rivolgono tutti verso il centro dell'abitacolo, il volante si ritrae e sul cruscotto appare un touchscreen: «È come rilassarsi in soggiorno» commenta un portavoce di Nissan.

Inoltre, la IDS è dotata di strisce di LED e display che permettono di comunicare con i pedoni, segnalando per esempio che l'auto si sta preparando a fermarsi per lasciare attraversare la strada. Per completare la presentazione restano da citare la carrozzeria in fibra di carbonio e il pacco batterie da 60 kWh (il doppio di quello montato attualmente sulla Nissan Leaf). L'articolo continua dopo il video.

Sempre in occasione del Salone dell'Auto di Tokyo, Mercedes-Benz ha svelato il concept di un'auto a guida automatica e alimentata a idrogeno, la Vision Tokyo.

L'aspetto ricorda un po' quello di una monovolume ma l'azienda tedesca preferisce parlare di «un salotto semovente per una generazione futura di megacittà», sottolineando come l'interno sia pieno di tecnologie futuristiche "di lusso".

Sondaggio
Quanto impieghi per andare al lavoro? (one-way, ovvero: sola andata)
Da 1 a 15 minuti
Da 15 a 30 minuti
Da 30 a 45 minuti
Da 45 a 60 minuti
Pi di 60 minuti

Mostra i risultati (2261 voti)
Leggi i commenti (14)

L'abitacolo offre spazio per cinque passeggeri, disposti anziché sui tradizionali sedili su una sorta di divano a forma di C: dopotutto, un veicolo autonomo non ha bisogno di una configurazione tradizionale dei posti. Un unico sedile può comunque essere separato da una sezione del divano e disposto nella direzione in cui si viaggia, per potersi così mettere al posto di guida.

In questo caso il volante passa dalla posizione di "riposo" al centro del cruscotto, che naturalmente non dispone di strumenti fisici ma proietta ogni informazioni sul parabrezza.

Per quanto riguarda l'alimentazione, la Tokyo Vision adotta celle a combustibile alimentate a idrogeno che permette di viaggiare per 980 km senza dover fare il pieno.

Nissan IDS concept 1042
Nissan IDS concept 1061
Nissan IDS Concept 0003
Mercedes Benz Vision Tokyo Concept 0001
Mercedes Benz Vision Tokyo Concept 0003
Mercedes Benz Vision Tokyo Concept 0008
Mercedes Benz Vision Tokyo Concept 00010
Mercedes Benz Vision Tokyo Concept 00012

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

{Ergobab}
I sedili a C saranno utilissimi in italia, perché i viaggi "automatici" dureranno un'eternità, a causa degli insensati limiti di velocità imposti dai burosauri italiani. Per il resto non vedo l'ora che queste auto calchino le scene (è il caso di dirlo) e diventino poco alla volta di uso... Leggi tutto
18-11-2015 16:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
S, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
S, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente attento: non c' motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. S, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (2471 voti)
Settembre 2023
Microsoft, minireattori nucleari per alimentare i datacenter della IA
NFT senza valore, la bolla è scoppiata
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 settembre


web metrics