Un giro sul dark web

Gli abitanti della parte nascosta del web, tra merce illegale e dati rubati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-12-2015]

01 dark web

Il dark web, la parte nascosta del web non indicizzata dai normali motori di ricerca ma accessibile unicamente tramite software che garantiscano l'anonimato, come Tor, è per sua natura ammantata di una sorta di aura di mistero.

Chi naviga normalmente nel "web di superficie" è spesso convinto che accedervi sia un'operazione complicata e riservata a pochi iniziati, per la quale servono complesse conoscenze informatiche tali da rasentare l'esoterismo.

In realtà, l'ingresso nel dark web è molto meno difficile di quanto si possa pensare.

Il primo passo consiste nel dotarsi degli strumenti adatti, ossia Tor e un browser. O, meglio ancora, del Tor Browser, una versione di Firefox modificata dai volontari del Tor Project per permettere ai suoi utenti di navigare all'interno della rete Tor in anonimato, senza dover mettere mano a configurazioni particolari: Tor browser è già pronto da usare.

Disponibile per Windows, Linux e Mac OS X, in versione a 32 e a 64 bit e in diverse lingue, Tor browser si scarica e si installa in pochissimo tempo: il sito ufficiale indica chiaramente come fare.

Sondaggio
Hai inserito username e password della tua webmail. Il browser ti chiede se desideri salvare le credenziali di accesso per il futuro. Cosa fai?
Uso questa opzione perché è comoda, così non devo inserire ogni volta username e password
Clicco su No e disattivo l'opzione “Resta collegato”
Non accedo alla mail attraverso siti di webmail ma solo attraverso applicazioni installate sul dispositivo

Mostra i risultati (1736 voti)
Leggi i commenti (12)

Il passo successivo consiste naturalmente nell'avviare Tor browser, che accoglie l'utente con una schermata di benvenuto all'interno della quale è presente anche un link per verificare di essere davvero connessi alla rete Tor.

Se si ha cura del proprio anonimato, è naturalmente consigliabile aver disattivato tutte le altre applicazioni che hanno accesso a Internet e che comunicano con il mondo esterno rendendo visibile il reale indirizzo IP di uscita del computer: in questo modo l'unica "finestra" sarà il Tor browser e l'indirizzo sarà mascherato da quello della rete Tor.

02 tor browser

Collegarsi alla rete Tor non è però sufficiente: bisogna anche sapere dove andare. Nel "web di superficie", i siti sono facilmente raggiungibili grazie ai nomi a dominio, che forniscono un nome mnemonico e si concludono con l'indicazione del dominio di primo livello (.it, .com, .org e via di seguito).

All'interno della rete Tor, i siti sono identificati da una stringa di caratteri più o meno casuale (che spesso cambia periodicamente) e dallo pseudo-dominio di primo livello .onion: essi sono raggiungibili soltanto tramite un client Tor, come il browser che abbiamo appena installato.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Smartphone a prezzi stracciati, armi, droghe e hacker in affitto

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'identità digitale? Nel dark web vale meno di un iPhone X
Il Dark Web è in via di estinzione?
Cosa trovare nel Deep Web, Paese per Paese
Deep web e dark web

Commenti all'articolo (2)


{Luther Blissett}
La tecnologia di TOR è stata sviluppata dai militari americani per consentire alle spie in giro nel mondo di poter comunicare in modo sicuro ed anonimo L'altra parte della medaglia è che se non si crea una rete globale distribuita non si possono cammuffare e quindi sono stati, in termini di processo, costretti a... Leggi tutto
23-12-2015 10:18

{Pdb}
TOR The Onion Router è usato in larga scala da Famiglie ed Amici, per affari, da Attivisti, Media, Militari vedasi link[/url]. il progetto iniziale fu voluto dalla Electronic Frontier Foundation EFF [url=http://forum.zeusnews.com/link/249554]link[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/249555]link[/url], riguardo agli hackers invito a... Leggi tutto
23-12-2015 06:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2027 voti)
Novembre 2020
Flash muore ma i giochini sopravviveranno nell'Internet Archive
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics