Il plugin Wordpress con la backdoor che ti ruba il sito

Il malware ottiene facilmente le credenziali del sito e le invia al suo creatore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-03-2016]

plugin wordpress backdoor

Il bello di Wordpress sta (anche) nella vasta quantità di plugin a disposizione, che estendono le possibilità in maniera quasi infinita.

Il problema è che, nel mondo dei plugin per Wordpress, non ci si può fidare ciecamente degli sconosciuti e nemmeno di amici fidati, come dimostra il caso di Custom Content Type Manager (CCTM), attualmente utilizzato da circa 10.000 siti.

La scoperta del pericolo contenuto in CCTM si deve allo staff di Sucuri, messo sul chi vive da uno dei propri utenti che aveva notato nel proprio sito la presenza di un nuovo, misterioso file (auto-update.php) apparso dopo l'aggiornamento del plugin.

I ricercatori di Sucuri hanno indagato e scoperto che, dopo un periodo di 10 mesi durante il quale sembrava essere stato abbandonato dai suoi sviluppatori, CCTM è improvvisamente tornato in attività: un nuovo gestore e un nuovo sviluppatore, che si fa chiamare "wooranker", hanno rilasciato una nuova versione, la 0.9.8.8. Il guaio è che non c'è un solo cambiamento che non sia negativo.

Il nuovo CCTM infatti aggiunge il file auto-update.php, che apre una backdoor e permette di scaricare sul server del sito file provenienti da un server remoto, e il file CCTM_Communicator.php, che comunica al server del suo creatore la presenza di un nuovo sito infetto.

Installati questi file, CCTM si mette all'opera, sottraendo informazioni sul sito e registrando nomi utenti e password (fortunatamente ancora crittografate), per poi inviarle a wooranker.

Non è finita qui. Le indagini di Sucuri hanno mostrato che dopo le prime infezioni "wooranker" ha cercato di accedere manualmente ai siti, ma fallendo.

Sondaggio
Qual è il tuo linguaggio di programmazione preferito, tra questi?
PHP
Java
C#
VB.Net

Mostra i risultati (1212 voti)
Leggi i commenti (30)

Così ha cambiato approccio, usando una backdoor aperta da auto-update.php e modificando i file principali di Wordpress: in questo modo è diventato capace di intercettare i dati immessi dagli utenti, password compresa, prima che venissero crittografati, diventando di fatto padrone delle complete credenziali di ogni utente.

Inoltre, per buona misura, su ogni sito infetto ha creato un account aggiuntivo con diritti di amministrazione.

Per gli utenti di Wordpress, tutto ciò significa che è necessario rimuovere immediatamente CCTM, riportare i file di Wordpress alle versioni originali e, se proprio devono usare il plugin, fermarsi alla versione 0.9.8.6 (non alla 0.9.8.7, perché ha una falla).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Falla in Wordpress, a rischio 1 milione di siti
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Il malware che ha infettato centomila siti con Wordpress
WordPress troneggia tra i blogger
Hacker conquistano la root di WordPress
Nuovo attacco DDoS contro WordPress
Attacco automatizzato contro i blog WordPress

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il fondatore di Microsoft ha chiesto all'UE di rendere più difficili gli ingressi in Europa ai migranti africani che cercano di raggiungere il continente attraverso le attuali rotte di passaggio. Sei d'accordo?
Sì.
No.

Mostra i risultati (1760 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics