Il Lussemburgo crede nello sfruttamento minerario degli asteroidi

Lo spazio pullula di risorse pressoché illimitate, ed è tempo di conquistarle.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-06-2016]

miniera spaziale

«Vogliamo diventare il centro europeo per lo sfruttamento minerario degli asteroidi» con queste parole il ministro dell'economia del Lussemburgo ha annunciato i piani spaziali del Granducato.

Non si tratta soltanto di una dichiarazione d'intenti: è stato approvato uno stanziamento di 200 milioni di euro per aprire una linea di credito destinata a quelle imprese spaziali che vogliano stabilire in Lussemburgo il proprio quartier generale.

Già due aziende statunitensi hanno espresso il proprio interesse. Una di queste (l'altra è la Deep Space Industries) è la Planetary Resources, tra i cui finanziatori c'è Larry Page, uno dei fondatori di Google.

Nessuno ha dubbi sul fatto che gli asteroidi possano rivelarsi una preziosa fonte di materie prime. Anzi c'è chi, come il fondatore di Amazon Jeff Bezos, ritiene che entro un paio di decenni buona parte delle risorse arriveranno dallo spazio, e anche il processo produttivo si sposterà al di fuori del pianeta.

Sulla strada che porta alla realizzazione di questa visione ci sono però almeno un paio di problemi. Il primo è di ordine pratico: per il momento non sono ancora state realizzate missioni spaziali su asteroidi. La NASA sta lavorando proprio in questo periodo alla prima missione robotica diretta su uno di questi corpi celesti.

Sondaggio
Quale stanza renderesti più smart per prima?
La camera da letto
La cucina
Il bagno / lavanderia
La sala

Mostra i risultati (849 voti)
Leggi i commenti (4)

Il secondo è di ordine economico, ed è uno degli aspetti che il Lussemburgo vuole chiarire. La domanda, infatti, è se una miniera spaziale sia economicamente conveniente, o se invece i costi per la sua realizzazione e manutenzione siano tanto grandi da renderla un'impresa senza profitto.

La collaborazione con i privati è, anche per questo motivo, molto importante. Per evitare controversie il Granducato sta anche lavorando alla costruzione di un quadro legale chiaro all'interno del quale far operare le aziende spaziali. Cuore della questione è la norma secondo la quale le aziende potranno sfruttare gli asteroidi ma non potranno rivendicarne la proprietà.

Secondo Pete Worder, ex direttore dell'Ames Research Center della NASA, il futuro è proprio questo. «Io credo che il futuro comprenda un'economia spaziale robusta, guidata da interessi commerciali» ha dichiarato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Larry Page e le miniere sugli asteroidi, primo lancio a luglio
Asteroidi come bombe nucleari
Atari minaccia gli emulatori e i siti di asteroidi

Commenti all'articolo (3)

Francamente mi sembra assai prematuro ritenere che lo sfruttamento minerario degli asteroidi possa essere economicamente conveniente. Anche la visione di Bezos, in questo caso, mi pare decisamente troppo ottimistica.
18-6-2016 18:53

Con i piedi per terra! Ci sono un sacco di vecchi satelliti pieni di materiali pregiatissimi che nessuno recupera perché riportarsi a casa quei gioielli costerebbe troppo. Neppure se vi fossero lingotti d'oro vaganti per il cosmo li potremmo andare a prendere.
12-6-2016 22:22

{ictuscano}
Chi meglio del Lussemburgo, uno dei massimi esperti di "offshore" (a cominciare dalle mazzette di euro, dollari ed altri cioccolatini vari...). Dopodiché, che si tratti di imprese che faranno profitti, mi sa sia tutto da dimostrare. Diciamo che se fossi un azionista, starei più con i piedi... per terra.
10-6-2016 13:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3682 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics