OxygenOS e fotocamera da 16 megapixel

OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-07-2016]

oneplus3 00

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto

Il sistema operativo scelto per lo OnePlus 3 è una versione personalizzata di Android 6.0.1 Marshmallow, chiamata OxygenOS, che aggiunge alcune funzioni alla versione di base ma senza risultare troppo invadente.

Oltre ad app sviluppate da OnePlus per gestire la Musica e la Galleria, OxygenOS presenta una rinnovata versione di Shelf, funzionalità già vista nei modelli precedenti ma che finora non ha riscosso un enorme successo.

Per accedere allo Shelf basta effettuare uno swipe verso destra a partire dalla schermata Home: si aprirà una schermata con data, tempo meteorologico, app e contatti recenti, oltre a un sistema per inserire brevi note e la possibilità di creare promemoria.

C'è poi la possibilità di attivare una speciale Modalità Notturna direttamente dalla barra delle impostazioni veloci: lo schermo assume una tonalità arancio, la cui intensità si può regolare a piacere, pensata per infastidire gli occhi il meno possibile.

Altra funzione interessante è l'utilizzo delle gesture a schermo spento per attivare funzioni specifiche: tracciare un cerchio avvia la fotocamera, mentre tracciando una V si accende la torcia.

oxygenos

Sondaggio
Quanto usi il tablet?
Molto. Ce l'ho sempre con me.
Almeno una volta al giorno.
Non tutti i giorni.
Raramente.
Non lo uso quasi mai.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (2112 voti)
Leggi i commenti (1)

OxygenOS permette di attivare lo smartphone senza dover premere alcun pulsante fisico. In maniera simile al Motorola Moto X, lo smartphone dispone di un sensore di prossimità che lo attiva quando si passa la mano davanti allo schermo.

La fotocamera posteriore monta un sensore da 16 megapixel con apertura f/20 e stabilizzatore ottico dell'immagine. Il software di gestione offre la possibilità di scegliere tra la modalità HD, che interviene sull'immagine per migliorarla, e il formato RAW, che consente di salvare i dati che costituiscono la fotografia senza alcuna interpolazione.

OnePlus 3 è già in vendita tramite il sito ufficiale a 399 euro: questa volta OnePlus ha deciso di lasciar perdere il sistema a inviti che aveva caratterizzato la vendita di tutti i modelli precedenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Il Mediacom PhonePad Ŕ di plastica, il Oneplus 3 di alluminio. Il Mediacom PhonePad ha le fotocamere da 16 e da 5 megapixel, il Oneplus 3 da 16 e da 8 megapixel. Il Mediacom PhonePad non ha NFC, il Oneplus 3 si. Il Mediacom PhonePad ha 3GB di RAM, il Oneplus 3 6GB. Il Mediacom PhonePad ha 16GB di SSD, il Oneplus 3 64GB. Il... Leggi tutto
27-7-2016 17:07

Allora per telefonare basta un Nokia anni '90...
18-6-2016 01:53

troppo caro, a fronte di un Mediacom PhonePad X555U che fa all'incirca le stesse cosa e costa la metÓ. Vien da chiedersi se la com(scom)oditÓ di avere tanta memoria valga il suo prezzo.
17-6-2016 18:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1887 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics