Fuchsia, il nuovo sistema operativo di Google

Non ha niente a che vedere con Android.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-08-2016]

Google Fuchsia

Si chiama Fuchsia il nuovo sistema operativo open source su cui Google ha iniziato a lavorare.

Il suo codice ha fatto capolino su GitHub, dove è anche offerta una criptica spiegazione del nome: «Pink + Purple == Fuchsia».

Per ora, di Fuchsia si sa più che altro che cosa non è: non è una nuova versione di Android, non è basato su Linux, non è destinato a debuttare in tempi brevi.

Non si sa nemmeno quale sarà la sua destinazione: si pensa che Google voglia creare un sistema operativo per l'era dell'Internet of Things, specificamente progettato per funzionare sui dispositivi embedded che popoleranno le nostre case nel futuro previsto dal gigante di Mountain View.

Certamente c'è anche la possibilità che sul lungo periodo Google voglia unificare tutti i suoi sistemi fornendoli di un'unica base - il kernel Magenta di Fuchsia - un po' come ha fatto Microsoft con l'avvento di Windows 10.

Si specula che un domani Android, ChromeOS e Fuchsia avranno lo stesso cuore e saranno declinazioni differenti ma tutto sommato simili del medesimo sistema, che funzionerà su ogni tipo di hardware, dai tradizionali computer agli smartphone ai piccoli dispositivi domestici.

Sondaggio
Cosa fai se l'antivirus non ti permette di installare un programma?
Disattivo temporaneamente l'antivirus per installare il programma che considero affidabile
Non installo il programma. Forse ce n'è un altro simile cercando su Internet
Creo regole di esclusione per le applicazioni di cui sono sicuro/a

Mostra i risultati (1376 voti)
Leggi i commenti (11)

Per certo si sa che tutto sarà open source: al momento usa le licenze Apache 2.0 e MIT, che probabilmente lo rendono più appetibile per chi vorrà utilizzarlo come base per costruirvi sopra un sistema closed source.

Utilizzare la GPL costringerebbe invece a rilasciare con la stessa licenza le modifiche apportate al codice: molte aziende potrebbero quindi rinunciare ad adoperare Fuchsia proprio per questo motivo.

«Abbiamo deciso di costruirlo open source, quindi è stato meglio far sì che lo fosse sin dall'inizio» ha spiegato Brian Swetland ad Hacker News in una chat.

«Alla fine sarà tutto pubblico, documentato e annunciato; non lo è solo per ora» ha continuato Swetland.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Fuchsia OS supporterà le app per Android
Android ha i giorni contati: Fuchsia OS lo soppianterà entro cinque anni
Google svela l'interfaccia di Fuchsia, il successore di Android
Arriva Andromeda, nato dalla fusione di Android e Chrome OS
Microsoft ammette: "Abbiamo copiato codice Gpl"
La Mpaa viola la Gpl
Skype viola la Gpl perché non fornisce i sorgenti
Arriva la GPL 3 ed è guerra dentro il software libero

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Ma pure Ubuntu Touch se la prende comoda... :roll:
23-8-2016 17:08

Non mi fido di nulla che venga da Google. Qualsiasi cosa produca serve più a loro che all'utenza, e per faccende che non ti dicono sicuramente. Purtroppo Firefox OS se la prende comoda ...
21-8-2016 22:35

{Paolo Del Bene}
La Apache License Version 2 è compatibile con la GNU General Public License Version 3 link[/url]. Sinceramente la cosa non mi preoccupa neanche un po'. Se vogliamo continuare a mantenerci legati a doppio nodo alle factories, accomodiamoci pure, oppure iniziamo ad usare l'hardware che è già stato prodotto è che è stato reso libero da... Leggi tutto
19-8-2016 17:34

:lol: :lol: :lol:
19-8-2016 16:17

Cosi' le donne potranno usare l'OS che preferiscono, a seconda dell'abito indossato :)
18-8-2016 18:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1776 voti)
Agosto 2019
Il cavo USB che permette di violare qualsiasi iPhone
Matteo Salvini condannato per violazione del diritto d'autore
Falla nelle fotocamere digitali, si rischia un'epidemia di malware
iPhone, cambiare la batteria diventa ancora più difficile
Datadrifter: motore di ricerca per bucket di Google Cloud trova dati privati a palate
Lo smartphone senza Android di Huawei arriverà entro la fine dell'anno
Facebook cambia nome a Instagram e WhatsApp
L'85% di tutti i Bitcoin è già stato generato
La carta di credito di Apple debutta in agosto
Luglio 2019
Windows 10, arriva il ripristino via Internet
Il condizionatore portatile di Sony da indossare sotto i vestiti
5G, miti da smontare e paure pilotate
VLC, panico nel Web per una falla estremamente grave
La criptovaluta di Facebook è una manna per gli scammer
Microsoft: Windows 10 è il migliore Windows di sempre
Tutti gli Arretrati


web metrics