WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook

L'ultima modifica ai Termini di Servizio regala i dati dell'utente al social network. Ecco come evitarlo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-08-2016]

facebook whatsapp

Se siete utenti di WhatsApp avrete ricevuto un messaggio in cui vi si informa di un cambio ai Termini di Servizio, e magari avrete premuto Accetto senza pensarci troppo su.

Il problema è che questo cambio contiene una novità che potrebbe non piacere a quanti tengono alla propria privacy: quello che WhatsApp chiama un miglioramento delle «esperienze con le inserzioni e i prodotti di Facebook» è in realtà la condivisioni dei dati - numero di telefono compreso - con il social network in blu.

Per scoprire che di questo in realtà si tratta bisogna però evitare di premere subito Accetto ma pretendere di saperne di più.

Allora si verrà a sapere che Facebook non potrà usare i dati così acquisiti per vendere pubblicità ma potrà adoperarli soltanto per scopi tecnici. Tecnicamente il numero di telefono (così come le chat) non appariranno pubblicamente su Facebook, ma saranno comunque nella mani del social network.

Poi, il fatto che WhatsApp ventili la possibilità che il numero possa essere usato da una banca per contattare l'utente in caso di pagamenti fraudolenti o da un'agenzia di viaggi per avvisare di un ritardo lasciano pensare che in ballo ci sia qualcosa di più.

Chi volesse evitare di mettere i propri dati in mano a Facebook ha dunque due modi: il primo è non accettare le condizioni, scegliere di Saperne di più e togliere il segno di spunta posto in fondo alla schermata.

whatsapp condizioni duso

Chi avesse invece già accettato è ancora in tempo per tornare sui propri passi: ci sono infatti 30 giorni prima che la modifica diventi definitiva.

In questo caso bisogna aprire il menu Impostazioni, quindi selezionare la scheda Account e togliere il segno di spunta alla voce Condividi info account.

Sondaggio
Cosa pensi dei siti che conoscono la tua ubicazione e che ti mostrano annunci pubblicitari in base ai siti Internet che visiti o alla cronologia delle tue ricerche?
Mi piace! È molto comodo
Non mi piace molto questo meccanismo ma Internet funziona così
Utilizzo opzioni specifiche del browser per salvaguardare la mia privacy e per evitare che i miei movimenti vengano controllati
Ho installato una speciale applicazione o un plug-in per evitare che i siti Internet ottengano la mia cronologia di navigazione e le mie ricerche
È una questione che non mi ha mai interessato

Mostra i risultati (1815 voti)
Leggi i commenti (6)

Questa è un'operazione che non può più essere annullata: una volta eliminata la condivisione non è possibile tornare indietro.

C'è da dire che, da quando si è privata del canone annuale a seguito dell'acquisizione da parte di Facebook, per WhatsApp la priorità è diventata la ricerca di un modo per rendere fruttuoso l'utilizzo dell'app da parte di tanti utenti: la condivisione dei dati con Facebook è proprio uno di questi modi e, se per ora è prevista la possibilità di farne a meno, non è detto che sarà sempre così.

whatsapp condizioni duso2

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Due o tre (o 98) cose che Facebook sa di te

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Allarme WhatsApp, messaggi intercettabili? Un momento
Allarme per messaggi-truffa su WhatsApp
UE: ''Facebook ci ha mentito su WhatsApp''
Quanto guadagna Facebook sui dati che gli regaliamo?
Facebook sotto indagine in sei Paesi Europei
Facebook toglie i messaggi dall'app per smartphone
Facebook compra Whatsapp per 19 miliardi di dollari

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Quoto! Leggi tutto
4-9-2016 17:27

{gonzales}
@ rataplan In effetti non si legge mai niente dei veri proprietari di Facebook che hanno messo i soldi, e la credibilità per ottenerne altri, per comperare edifici e macchine e assumere gente quando ancora non entrava un soldo, situazione durata anni. Stessa identica cosa per Google. Potenza dei mezzi di (dis)informazione.
1-9-2016 21:19

{rataplan}
Leggendo i post mi sembra di capire che quasi nessuno ha chiaro che whatsapp e facebook hanno gli stessi proprietari (zuckerberg è solo l'omino di facciata, i capitali non li ha certo messi lui quando facebook ha iniziato a ingigantirsi). Questa è gente che ha moralità ed etica come carta igienica nel bagno, e... Leggi tutto
29-8-2016 20:10

La domanda è proprio quella :) Se non ho facebook?? Mi spiego La modifica di whatsup per l'aggiornamento della normativa sulla privacy è obbligatoria se no entro mi pare il 26 settembre si bloccherà l'app ma come detto da Attivissimo è facoltativo il concedere il numero di telefono a facebook ed è bene non darglielo! La notifica è... Leggi tutto
26-8-2016 21:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2204 voti)
Luglio 2019
Auto elettriche, arriva l'obbligo che facciano rumore
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
Tutti gli Arretrati


web metrics