Android nei guai: falle critiche e app infette

Le app contenenti malware sono già state scaricate da Google Play 2,5 milioni di volte.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-09-2016]

android vulnerabilita critiche app malware

«Un bug estremamente serio»: così ha definito il primo dei due bug scovati in Android la scorsa settimana Mark Brand, ricercatore del team Project Zero di Google.

Brand afferma che l'exploit in grado di sfruttare questa falla è stato sviluppato «per ragioni di studio» e che la sua pericolosità deriva dal fatto che può essere sfruttato in molti modi diversi.

Il ricercatore sostiene però che il codice reso pubblico per dimostrare l'exploit non è pericoloso in sé, ma deve essere modificato in maniera sostanziale per poterlo diventare.

Il secondo bug non è da meno del primo: per molti versi è simile all'exploit noto come Stagefright, in quanto permette di prendere il controllo di uno smartphone Android inviandogli un'immagine Jpeg alterata.

La falla permette infatti di nascondere del codice all'interno dei dati Exif dell'immagine e di eseguirli nel momento in cui l'utente la visualizza.

Entrambe le vulnerabilità sono dovute a problemi di Android che Google ha corretto con l'ultimo aggiornamento di sicurezza, e che si spera i vari produttori di smartphone distribuiscano al più presto.

I primi a ricevere gli aggiornamenti sono, come al solito, i Nexus di Google. Il problema è che le falle sono presenti anche nelle versioni più vecchie di Android (precedenti ad Android 6 Marshmallow), che non riceveranno mai le patch necessarie.

Sondaggio
Che rapporto hai con il backup? Con che frequenza lo fai?
Ogni giorno
Ogni settimana
Solo una volta al mese
Quando mi ricordo
Praticamente mai

Mostra i risultati (1698 voti)
Leggi i commenti (22)

A complicare la vita degli utenti di Android c'è poi la scoperta che nel Google Play ci sono alcune app che contengono dei malware. Queste app sono state già scaricate ben 2,5 milioni di volte e secondo Check Point, che le ha individuate, ospitano i malware CallJam e DressCode.

Il primo è progettato per dirottare i browser degli smartphone verso siti che propongono pubblicità da cui il creatore del malware ricava introiti ma anche, se all'app è stato concesso il permesso, per effettuare chiamate verso numeri a pagamento.

Il secondo si comporta come il primo tranne che per le telefonate a pagamento ma in compenso si occupa di infettare la rete locale.

Google ha già provveduto a rimuovere le app infette, ma moltissimi utenti potrebbero aver contratto il malware senza saperlo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Bug di Linux, a rischio un miliardo e mezzo di smartphone Android
Bug Qualcomm, 900 milioni di utenti Android a rischio
Infettare un computer o un telefonino con un'immagine

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Siccome il mio S3, che oramai non riceveva aggiornamenti di sicurezza da Samsung da anni, ha reso l'anima, ho deciso di prendermi un Nexus con Marshmallow e mi sono arrivati immediatamente tutti gli aggiornamenti di sicurezza fino a quello di settembre poi mi ha anche proposto l'aggiornamento a Nougat. Il problema non è la lentezza di... Leggi tutto
24-9-2016 19:19

In questo articolo mancano le indicazioni di quali sarebbero le app infette, ma cercando un po' in rete, se può essere utile, ho trovato qualcosa qui: link
14-9-2016 10:51

Manca l'unica info che sarebbe utile, ossia quali sono le app infette...
14-9-2016 01:01

Qual'è l'elenco delle app infette?
13-9-2016 23:05

{hhh}
"nascondere del codice all'interno dei dati Exif dell'immagine e di eseguirli nel momento in cui l'utente la visualizza" Mi spiegate perché una qualsiasi app che mostra un'immagine debba eseguire alcunché al suo interno?
13-9-2016 12:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (394 voti)
Settembre 2019
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Tutti gli Arretrati


web metrics