Il telescopio per scrutare l'esopianeta più vicino

Lenti puntate verso Proxima b, esopianeta terrestre nell'orbita della stella Proxima Centauri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-09-2016]

telescopio spaziale james webb proxima centauri b

Nell'interminabile caccia al "gemello della Terra", di recente un esopianeta si è proposto all'attenzione di tutti grazie alla pubblicazione di uno studio che descrive le osservazioni necessarie per individuarvi la vita e all'imminente lancio di un telescopio che potrebbe dissolvere ogni dubbio.

Il pianeta in questione è Proxima Centauri b, pianeta in orbita intorno alla nana rossa Proxima Centauri all'interno della cosiddetta zona abitabile, ossia a una distanza tale per cui in teoria potrebbe esistere acqua allo stato liquido.

Proxima Centauri b ha anche una massa simile a quella della Terra, ma quello che ancora non sappiamo è se possieda un'atmosfera, condizione imprescindibile perché possa esserci l'acqua e, magari, la vita.

La vicinanza di questo pianeta, posto intorno alla stella più vicina a noi, è sia un vantaggio che una sfida: un vantaggio, perché non ci sono altri esopianeti altrettanto promettenti più vicini; una sfida, perché si trova comunque a 4,25 anni luce di distanza, e l'osservazione è quantomeno problematica.

Un grosso aiuto arriverà nel 2018 dal lancio del telescopio spaziale James Webb: secondo le simulazioni già condotte dai ricercatori, il telescopio Webb potrà confermare la presenza o l'assenza di un'atmosfera.

Non solo: potrebbe anche riuscire a rilevare la presenza di ozono in un'eventuale atmosfera analizzando la luce riflessa dal pianeta. L'ozono infatti assorbe determinate frequenze dello spettro elettromagnetico, e dalla mancanza di queste frequenze i ricercatori potrebbero dedurre la presenza del gas.

La presenza di ozono è particolarmente importante: dato che si tratta di una particolare forma di ossigeno, e che l'ossigeno è fondamentale per la vita, se individuassimo dell'ozono potremmo avere qualche speranza di incontrare forme di vita.

Naturalmente, ci sono diversi fattori che entrano in gioco perché le osservazioni permettano di trarre conclusioni affidabili: per esempio, i ricercatori dovranno essere in grado di determinare l'angolo di inclinazione del pianeta rispetto alla sua stella e sperare che le rocce di Proxima Centauri b emettano abbastanza radiazione infrarossa da facilitare il lavoro.

Sondaggio
Qual Ŕ stata secondo te la scoperta tecnologica pi¨ imponente, tra queste?
La fotografia
La riproduzione dei suoni
Il laser
L'elettromagnetismo
Il motore diesel
I computer
I raggi X
I robot
Vorrei suggerirne un'altra, nei commenti qui sotto

Mostra i risultati (2268 voti)
Leggi i commenti (10)

In ogni caso, i ricercatori sono ottimisti. «In linea di principio, le osservazioni sono possibili» ha dichiarato Kevin Stevenson, dello Space Telescope Science Institute. «Certo, gli autori dello studio sulla fattibilità delle osservazioni hanno dovuto ipotizzare diversi dettagli, come essi stessi ammettono, sia sul telescopio Webb che sul sistema. Dato però che non troveremo mai un esopianeta potenzialmente abitabile più vicino a noi di Proxima Centauri b, il rischio è certamente giustificato».

Tra le ipotesi formulate dai ricercatori c'è per esempio il fatto che Proxima Centauri b rivolga sempre la stessa faccia verso la stella: ciò significa che, se c'è un'atmosfera, essa diffonderebbe il calore sul resto del pianeta, e il telescopio vedrebbe una distribuzione più uniforme; in assenza di atmosfera, invece, l'impronta termica sarebbe evidentemente molto diversa.

John Mater, uno dei responsabili della costruzione del Telescopio Spaziale James Webb, è però fiducioso: afferma che gli autori dello studio in base al quale sarà condotta l'osservazione di Proxima Centauri b «conoscono ciò di cui parlano», anche se immediatamente dopo il lancio del telescopio la sfida principale sarà verificare che l'apparecchiatura corrisponda alle aspettative.

«Non l'abbiamo certo progettato con questo scopo in mente» ha spiegato ancora Mater. «Dopotutto, abbiamo iniziato a lavorarci 21 anni fa. Non sapremo se il telescopio avrà la stabilità e la sensibilità sufficienti fino a dopo il lancio. Certo, io sono ottimista, dato che non ci risulta che ci sia qualcosa nell'apparecchiatura che possa ostacolare le osservazioni».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

In effetti non esiste alcuna prova del fatto che tutte le (eventuali) forme di vita presenti nell'universo siano basate sul carbonio e necessitino di acqua e ossigeno per vivere, ok non esistono nemmeno prove del contrario per˛, tanto vale lasciarsi aperte tutte le possibilitÓ. In quanto alle probabilitÓ di azzeccarci alla prima credo... Leggi tutto
6-10-2016 19:01

C'Ŕ anche chi, tra gli scienziati (e non tra i futurologi) mette in guardia contro le "amicizie" aliene, partendo dalla constatazione che, almeno sul nostro pianeta, le civitÓ pi¨ avanzate hanno sempre fagocitato quelle meno in grado di difendersi. A proposito: tantissimi anni fa lessi un racconto in cui gli alieni (bontÓ loro)... Leggi tutto
24-9-2016 14:11

Leggevo anch'io gli Urania negli anni settanta e molte delle cose che allora erano solo il prodotto della florida fantasia di alcuni autori dall'indubbia genialitÓ ora sono diventate realtÓ scontata. Gli extraterrestri descritti in quei romanzi, per˛, erano ben diversi da quelli di cui immagina l'esistenza buona parte dell'umanitÓ. ET... Leggi tutto
23-9-2016 10:07

E' da quando stavo alle medie e leggevo Urania, che gli autori di fantascienza parlavano di Proxima Centauri come della possibile sede di estraterrestri. Ed Ŕ da allora che chi autori di fantascienza e fantapolitica venivano addotati come come precursori di avvenimenti reali di lÓ da venire. Tant'e che in USA c'e(ra) un apoposito pool... Leggi tutto
21-9-2016 19:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa ne pensi del ritocco digitale dei film classici (non solo di fantascienza)?
E' un falso storico; i film vanno visti come furono girati.
E' necessario, per evitare che certi film vengano dimenticati.
Va bene, basta che sia indicato chiaramente.
Non me ne pu˛ fregar di meno.

Mostra i risultati (3331 voti)
Febbraio 2023
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 febbraio


web metrics