Trasformare l'anidride carbonica in etanolo

Scoperto per caso come ottenere carburante dalla CO2 in modo semplice ed economico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-11-2016]

biossido carbonio co2 etanolo

Tante scoperte accadono per caso: l'esempio più famoso è probabilmente quello della penicillina.

Ora alcuni ricercatori dell'Oak Ridge National Laboratory, in Tennesseee (USA), hanno fatto una scoperta che promette di essere rivoluzionaria: hanno capito come trasformare il biossido di carbonio direttamente in etanolo.

Gli scienziati erano finora convinti che ci volessero diversi passaggi per ottenere questo tipo di trasformazione. Invece, lavorando sulla trasformazione del biossido di carbonio in metanolo hanno scoperto che basta un unico passaggio per ottenere l'etanolo.

Ciò che serve è un minuscolo dispositivo (la cui superficie è di circa un centimetro quadrato) costituito da "nanospuntoni" di rame e carbonio montati su una superficie di silicio. Su ognuno di essi c'è una nanogoccia di azoto.

Quando questo dispositivo viene esposto al biossido di carbonio e viene fatta passare attraverso di esso una piccola corrente elettrica, una complessa serie di reazioni chimiche prendono il via, e il risultato è la trasformazione del gas in etanolo liquido.

I vantaggi di questo sistema sono l'utilizzo di materiali comuni e il fatto che tutto funziona a temperatura ambiente, con un minimo consumo di energia.

L'etanolo ottenuto può quindi essere usato come combustibile, mentre non è adatto per l'uso alimentare senza un'ulteriore purificazione, dato che contiene ancora formiato, una sostanza tossica.

Sondaggio
Qual la pi grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si l da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (981 voti)
Leggi i commenti

Secondo i ricercatori, considerata la ridotta necessità di energia per attuare la trasformazione, «un processo come questo permetterebbe di consumare l'elettricità in eccesso quando essa è disponibile, e di conservarla sotto forma di etanolo. Ciò potrebbe aiutare a mantenere costante la fornitura di energia elettrica proveniente da fonti non costanti» (come il vento e il sole).

Si può quindi immaginare una rete elettrica rifornita da impianti fotovoltaici che, quando splende il sole, impiega l'energia non consumata dagli utenti per produrre etanolo dall'anidride carbonica, e poi riutilizza questo etanolo per produrre elettricità quando il sole non c'è.

Non sarebbe conveniente, invece usare questa tecnica per estrarre CO2 dall'aria: la quantità di energia necessaria sarebbe eccessiva.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Scandinavia, tornano in voga le auto a legna
Biocarburante dagli scarti della produzione del vino
Da Audi il biocarburante più dolce del mondo
Il biocarburante ottenuto grazie all'Escherichia Coli
L'etanolo prodotto dai rifiuti
ActionAid: biocarburanti causano fame nel mondo
Gli enzimi abbattono il costo dei biorcarburanti
La prima centrale elettrica a etanolo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{oriani}
Belli i guanti viola, li voglio anche io! Ah, e quanta anidride carbonica è stata emessa per produrli, mentre giocavano a produrre fumo?
11-11-2016 18:10

Si tratta di una nuove tecnologie.
5-11-2016 21:15

Ho letto l'articolo, ma qualcosa mi sfugge. Il biossido ci carbonio anidride carbonica, ossia CO2. Questa da dove arriva? Deve essere pura per far funzionare il dispositivo? Oppure pu essere miscelata ad altri gas? Perch allora basta una ventola che spinga l'aria atmosferica. Inoltre l'azoto, da quello che scritto nell'articolo, ... Leggi tutto
4-11-2016 23:02

{pierre}
Dell'etanolo non dovrebbe interessarci niente. Quello che importa è trovare un modo, sostenibile e non altrimenti inquinante, per convertire l'anidride carbonica nell'aria in qualcos'altro, in quantità enormi e su scala planetaria. Altrimenti, con soli due gradi in più, una buona percentuale delle... Leggi tutto
4-11-2016 19:23

In generale vero, difatti l'ultima parte dell'articolo dice che non sarebbe conveniente usare questa reazione per estrarre etanolo dal CO2 nell'aria, troppa energia necessaria e poca concentrazione di CO2. Considerando invece un sistema chiuso dove la CO2 resta ad alta concentrazione e che l'energia prodotta e non consumata durante... Leggi tutto
4-11-2016 13:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto usi il tablet?
Molto. Ce l'ho sempre con me.
Almeno una volta al giorno.
Non tutti i giorni.
Raramente.
Non lo uso quasi mai.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (2130 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics