L'app per farsi localizzare senza essere assillati

Se non volete essere sorvegliati in continuazione, provate Google Contatti Fidati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-12-2016]

contatti fidati

Se state cercando un modo per condividere la vostra localizzazione con le persone fidate quando vi capita un'emergenza ma non volete essere sorvegliati in continuazione, provate Contatti Fidati di Google: un'app gratuita e disponibile per ora solo per dispositivi Android ma prossimamente offerta anche per iOS.

Google spiega il suo funzionamento in questo modo: se la usate, definite dei contatti fidati (da cui il nome) che saranno in grado di sapere se vi siete spostati recentemente (ma non dove siete) e se siete online. Siete voi, poi, a decidere se e quando condividere con questi contatti fidati la vostra localizzazione. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Da dove scarichi di solito i file (app, film, libri, giochi)?
Scarico i file da fonti sempre diverse
Scarico file da siti di cui mi fido
Non scarico molti file e presto sempre attenzione al sito da cui li scarico
Scarico i file solo da negozi online e da app store di fiducia
Non scarico nulla

Mostra i risultati (1340 voti)
Leggi i commenti (12)
A loro volta, i contatti fidati posso chiedervi dove siete quando sono in pensiero per voi: potete negare la richiesta e quindi indicare che tutto va bene, senza rivelare dove siete. Ma se non negate la richiesta, per esempio perché non siete in condizioni di rispondere, la vostra localizzazione verrà condivisa con loro automaticamente. Il tutto, naturalmente, è disattivabile a piacimento.

Come opzione ulteriore, se vi perdete o se vi sentite a disagio potete usare l'app per chiedere a un amico di "accompagnarvi" virtualmente fino a casa o alla vostra destinazione sicura.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (3)

Direi che si tratta solo di un'app, utile per alcuni, inutile per altri... In ogni caso se si vuole che Big G o Apple o chiunque altro lo ritenga utile, non sia in grado di verificare dove sei o di tracciare gli spostamenti l'unico modo possibile è tenere spento lo smartphone o continuare ad usare un cellulare vecchio tipo. E non sono... Leggi tutto
23-12-2016 18:05

@merlin In realtà BG sa dove sei, solo ti da la possibilità di non comunicarlo ad altri. Probabilmente la mossa furba è proprio questa, i loro database continuano a gonfiarsi di dati personali da poter vendere, mentre tale possibilità viene (leggermente) ridotta per gli altri fornitori di app
23-12-2016 00:38

Una buona notizia? E' un regalo di Natale, o una bufala, oppure BG ha in serbo uno scherzetto ben nascosto?
22-12-2016 20:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1336 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics