Le petizioni di Change.org usate per scambiarsi film piratati

La popolare piattaforma è infestata da link a materiale illegale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-02-2017]

pirati change petizioni

Change.org è probabilmente la piattaforma più famosa per l'indizione di petizioni online: i suoi oltre 100 milioni di utenti negli anni si sono mobilitati per cause di ogni tipo.

C'è però un uso particolare di questa piattaforma che sta prendendo piede da un po' di tempo in qua: lanciare petizioni che in realtà sono soltanto un pretesto per scambiarsi materiale pirata, con i link diretti indicati nella descrizione della petizione.

I primi segnali di questa pratica risalgono al 2012, quando alcune pagine di Change.org vennero segnalate a Google per la rimozione in quanto consentivano di accedere illegalmente ad alcuni eventi in streaming.

Poi hanno iniziato ad apparire i film: titoli come I Mercenari 3 o The Interview, al momento della loro massima popolarità, potevano essere scaricati dalle pagine di Change.org.

Occorre dire che la piattaforma è lesta nel rimuovere le pagine in violazione, ma anche i pirati non stanno a guardare: effettuando una ricerca con termini legati alla pirateria (per esempio dvdrip) permettono di trovare diversi contenuti, anche se proprio per la celerità con cui i gestori di Change.org intervengono i risultati cambiano rapidamente.

Sondaggio
Dove guardi le tue serie Tv preferite?
Alla TV
Sul PC
Sul tablet
Sullo smartphone

Mostra i risultati (2374 voti)
Leggi i commenti (12)

Non è poi detto che tutti gli autori di queste "petizioni pirata" siano animati da puri intenti di condivisione: non sono rari i casi in cui i link rimandano a siti infetti, che provvedono a scaricare virus e malware in generale sui PC degli utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il sito che ti avvisa appena un film pirata è disponibile
UE: la pirateria danneggia le vendite, ma non sempre
Netgear insegna come condividere un film piratato
Pirata carcerato denuncia pirateria nelle carceri
BitTorrent e il dilemma del pirata
L'antivirus che rimprovera i pirati
Quando i pirati si lamentano della pirateria

Commenti all'articolo (2)

Come spesso avviene chi ha buone intenzioni viene danneggiato dai soliti delinquenti che mettono in cattiva luce una piattaforma nata con l'intento di dare una voce in più ai comuni cittadini interessati a promuovere cause giuste. Viene quasi il dubbio che ci possa pure essere un'azione volta screditare la piattaforma ma questa potrebbe... Leggi tutto
19-2-2017 15:32

{icha}
Vorrei poter fare un salto fra una ventina d'anni da oggi. Ho il forte sospetto che troverei un Internet molto diverso da oggi e molto meno libero, per non dire blindato. E vedendo come oggi la gente vive in un "1984" senza rendersene pienamente conto, credo che anche la blindatura di Internet sarà data per scontata... Leggi tutto
16-2-2017 11:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3471 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics