Il sito per stalkerare chiunque su Facebook

Tutte le informazioni personali sono a portata di clic.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-02-2017]

facebook stalkscan

Siete sicuri di aver impostato per bene le impostazioni di Facebook relative alla privacy?

Se leggendo questa domanda vi ha colto il dubbio che qualche sconosciuto possa frugare tra le informazioni personali che avete sbadatamente condiviso, Stalkscan è il sito che fa per voi.

Sviluppato da un hacker etico belga, Stalkscan in realtà non fa nulla di straordinario: utilizza le funzioni di ricerca messe a disposizione da Facebook per permettere di accedere facilmente a tutti i dati condivisi da un determinato profilo.

Tuttavia, sebbene ciò sia possibile anche usando gli strumenti messi a disposizione da Facebook, la particolarità di Stalkscan sta nel fatto che esso offre una comoda interfaccia che facilita enormemente il compito. Una manna per chi vuole controllare che cosa sta condividendo col mondo, oppure per uno stalker.

Tutto ciò che bisogna fare per sfruttare questo servizio è inserire l'indirizzo del profilo che interessa nell'apposita barra di ricerca e premere Invio: nella parte inferiore della pagina ci saranno, divisi in comode categorie, i link a tutte le informazioni condivise.

Sondaggio
Controlli su Facebook le tue (o i tuoi) ex?
No, non ci penso proprio.
A volte guardo il loro profilo o i loro gli aggiornamenti di stato.
Sì, controllo ogni loro mossa.
Le ex (o gli ex) in genere non sono miei amici di Facebook.
Ma quale Facebook! Io uso Twitter (o Google+ o altro social media).

Mostra i risultati (1714 voti)
Leggi i commenti (15)

L'autore tiene a sottolineare che il sito non viola le impostazioni della privacy di Facebook, ma si limita a visualizzare quanto è già disponibile pubblicamente: in teoria, se un utente ha fatto le cose per bene chi non gli è amico non potrà vedere molto.

Se invece la privacy non è ben protetta diventa possibile visualizzare con semplicità i commenti, le fotografie a cui è stato messo Mi piace, l'elenco degli amici, gli interessi e via di seguito.

stalkscan

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Corleone, identificati gli stalker che molestavano le minorenni su Facebook
Zuckerberg perseguitato da uno stalker
Cassazione: le molestie su Facebook sono stalking
L'amico di Facebook si trasforma in molestatore

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

ora funziona anche a me :)
20-2-2017 21:16

A me risulta ancora raggiungibile e operativo... per quanto può funzionare per chi non è iscritto a FB. :? Leggi tutto
20-2-2017 18:33

{Silvia}
Pur avendo FB aperto su un'altra scheda non mi fa vedere proprio un bel niente, è vero che ho un profilo abbastanza blindato, ma l'applicazione non pare neanche lavorare. Mah.
20-2-2017 09:45

dominio sospeso
19-2-2017 19:28

Mi sembra abbastanza evidente che se non si accede a FB non si ha alcun accesso alle informazioni - giustamente direi - altrimenti chiunque non abbia accesso e/o non sia iscritto a FB potrebbe, inserendo in questo sito i dati di persone iscritti, accedere alle informazioni presenti su FB e relative a dette persone.
19-2-2017 16:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1953 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics