Tutte le novità di Android O

Dai canali per le notifiche, ai miglioramenti, all'autonomia: ecco che cosa ci riserva l'ultima versione del sistema di Google.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-03-2017]

android o logo

Ancora non sappiamo quale sarà il nome definitivo (né, se per questo, il numero di versione), ma Android O ha fatto la sua prima comparsa come Developer Preview (Anteprima per gli Sviluppatori).

Seguendo l'ormai consueto calendario, che prevede di rilasciare una nuova versione di Android ogni anno, Google ha pubblicato l'anteprima senza aspettare la Google I/O Conference, fissata per il mese di maggio.

Rispetto alla presentazione di Android N, questa volta non ci sono novità spettacolari come il window mode ma piccoli aggiustamenti all'interfaccia e alcune nuove funzioni.

La prima novità riguarda la barra delle notifiche, che vede l'introduzione dei Notification Channels: nella pratica, le notifiche vengono suddivise in diversi "canali" o categorie (stabiliti dagli sviluppatori per ogni app) per facilitarne la consultazione e il controllo da parte degli utenti.

È possibile per esempio bloccare le notifiche appartenenti a certi canali, oppure stabilire delle modalità particolari per la segnalazione del loro arrivo regolando i suoni usati, la vibrazione, l'apparizione sulla schermata di blocco e via di seguito.

La seconda novità riguarda l'autonomia dei dispositivi che monteranno Android O: un po' come ha deciso di fare per Chrome, Google ha imposto dei limiti alle risorse che le applicazioni in background possono consumare.

01 Android O Notifiche
Le nuove notifiche di Android O

Ciò richiederà naturalmente un po' di attenzione da parte degli sviluppatori, che dovranno adeguare le proprie app se vorranno che esse continuino a funzionare correttamente in background anche con questa versione di Android.

Un'altra modifica rispetto al passato è quella che interessa le icone: l'introduzione delle adaptive icon permette una maggiore integrazione delle icone personalizzate, usate da certi launcher, nel resto dell'interfaccia di Android.

Le icono sono infatti ora in grado di assumere diverse forme (quadrate, rotonde...) basandosi su una "maschera" predefinita scelta per un determinato dispositivo.

Sondaggio
Quando fai la spesa, qual è tra questi il profilo in cui ti ritrovi maggiormente?
Vado dritto verso quello che devo comprare e non perdo tempo: guardo solo le caratteristiche del prodotto e quanto costa.
Leggo sempre attentamente le etichette dei prodotti.
Per me gli acquisti sono necessari per una vita piena e appagante.
Per me il prezzo è più importante della marca.
Preferisco essere servito piuttosto che servirmi da solo.

Mostra i risultati (1709 voti)
Leggi i commenti (4)

Con Android O viene inoltre migliorata la funzione Picture-in-Picture introdotta in Android Nougat: ora è disponibile per tutti i video, e non è più limitata ad Android TV.

Altri miglioramenti riguardano l'introduzione del supporto a LDAC, che migliora la qualità dell'audio trasmesso via Bluetooth, la capacità di riprodurre un maggior numero di colori (sui display compatibili) e l'introduzione della funzione Wi-Fi Aware, che consente ai dispositivi Android nelle vicinanze di connettersi tra loro tramite il Wi-Fi, senza bisogno di un access point.

L'anteprima di Android O può essere scaricata manualmente dal sito ufficiale e installata sui dispositivi compatibili - Nexus 5X, Nexus 6P, Nexus Player, Pixel, Pixel XL e Pixel C - oppure in un emulatore.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Per ora non sembra ci siano novità eclatanti a leggere l'articolo, vedremo se in futuro ci sarà qualcosa in più o se sarà una versione di assestamento e transizione.
1-4-2017 15:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1947 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 giugno


web metrics