Ex attrice a luci rosse chiama in causa i pirati

''Non lavoro più per colpa dei video pirata''.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-06-2017]

pornhub porno pirateria

Quando si sente parlare della crisi dei cinema e dei Dvd (o Blu-ray), messi in ginocchio dalla diffusione della pirateria, spesso si è portati a pensare che si tratti di un'esagerazione delle case cinematografiche, use a guadagnare miliardi senza farsi scappare un centesimo.

C'è però un tipo più "settoriale" di pirateria, che non riguarda i blockbuster cinematografici ma è sempre legata ai film, che a quanto pare ha conseguenze sensibili: è la pirateria dei film a luci rosse.

È il caso di Jenna Haze, ex star del settore che nel 2012 decise di passare dall'altra parte della telecamera, smettendo di fare l'attrice di pellicole hard e di diventarne regista e produttrice.

Il problema è che, dopo 15 film di successo, Jenna Haze ha dovuto interrompere l'attività: la colpa, a detta della donna, sarebbe di Pornhub.

Come Jenna Haze ha scritto su Twitter, infatti, il popolare sito a luci rosse «pirata i contenuti che le altre aziende per adulti producono. È come Napster.

Sondaggio
Che lavoro fai?
Agente di commercio
Operaio
Personale medico
Dirigente - Funzionario
Libero professionista
Forze Armate / Guardia / Vigile
Insegnante
Pensionato
Studente
In cerca di occupazione
Casalinga
Commerciante
Imprenditore
Artigiano
Ecclesiastico
Impiegato

Mostra i risultati (4362 voti)
Leggi i commenti (62)

«Rubano i miei contenuti dalla mia azienda, come fanno molti altri siti analoghi. È per quello che non produco né dirigo più».

Inutile sarebbe rivolgersi ai sistemi per la rimozione di contenuti protetti dal diritto d'autore, di cui PornHub pure dispone: «Levano un video e lo rimettono su» spiega l'ex attrice.

«Non dico che non facciano anche affari leciti» conclude Jenna Haze. Ma se molte case di produzione di contenuti per adulti chiudono, per l'ex attrice e regista la colpa sarebbe della pirateria e dei siti che la diffondono.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Windows App Store è il paradiso dei pirati
Sesso e porno sul MegaUpload dell'FBI
Gawker chiude per sempre, annientato da Hulk Hogan
Col riconoscimento facciale smaschera le attrici porno
Adult Player, l'app porno che ricatta gli utenti
Pornodipendenza, a rischio i fumatori e i più giovani
Le pornostar lanciano campagna contro pirateria su Internet
Pornodipendenti come per alcol e droga

Commenti all'articolo (4)

Sono assolutamente d'accordo. Leggi tutto
4-8-2017 17:24

Forse hai letto male l'articolo. Lei si lamentava "da regista" del fatto che non riusciva a vendere perchŔ le piratavano i contenuti. Non c'entrava nulla che prima facesse l'attrice. Leggi tutto
19-6-2017 14:51

Non c'entra niente che Ŕ una pornostar, o lo era. ╚ una campagna che fanno tutti i produttori di film, serie televisive, musica, eventi sportivi, ecc..si sentono tutti minacciati dalla pirateria, come che questa non fosse mai esistita. Che poi... c'Ŕ ancora chi compra film porno? :shock: Che te ne fai di un supporto fisico, sempre lo... Leggi tutto
10-6-2017 08:42

{Giuse57}
siamo davvero alla follia! sta pomp...ra per anni ha fatto i suoi porci comodi invadendo il mondo con i suoi genitali infuocati e adesso che il mondo è cambiato si lamenta perchè non riesce più ad essere competitiva? ma ragazza mia cosa credevi di essere immortale sessualmente? gli anni passano per tutti e per tutte... Leggi tutto
9-6-2017 14:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1232 voti)
Settembre 2020
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Tutti gli Arretrati


web metrics