Una startup italiana per proteggere distinguendo i tracker buoni da quelli cattivi



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-07-2017]

scanning

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Kaspersky: il ramsonware russo non è Petya

Si è diffuso in molte parti d'Europa e del mondo il ransomware Petya, che ha infettato una grande quantità di dispositivi poco aggiornati, bloccandoli e chiedendo un riscatto in Bitcoin per liberarli.

Petya si diffonde con le cosiddette spear phishing mail, che possono essere molto precise - nei dati riportati per ingannare il destinatario - grazie alle informazioni sull'attività che l'utente svolge sul web reperite tramite i web tracker.

All'interno dell'Incubatore I3P del Politecnico di Torino è presente Ermes, una startup che opera nel campo della sicurezza informatica e della privacy online, che riesce a distinguere i tracker "buoni" da quelli "cattivi", con lo scopo di proteggere le informazioni degli utenti.

Ermes nasce come risposta al problema del furto di informazioni sensibili degli utenti a opera di sistemi di profilazione, i cosiddetti "web tracker", algoritmi che analizzano il traffico internet di ogni utente e che permettono di far apparire pubblicità targettizzate sulla base della cronologia web.

Sondaggio
Confessa. Hai mai acquistato un farmaco online?
Assolutamente no, è un reato.
Fossi matto! E' un rischio per la salute.
Non si dovrebbe... ma lo ammetto, qualche volta è successo.
Lo faccio abitualmente anche se è contro la legge o pericoloso.

Mostra i risultati (3534 voti)
Leggi i commenti (21)

Mentre la funzionalità dei tracker può essere considerata innocua e legittima, è stato documentato come gli stessi strumenti possono essere utilizzati per spiare costantemente le attività degli utenti, per raccogliere informazioni sensibili e private su utenti mirati (politici, personaggi pubblici o per spionaggio industriale), e per fare fingerprinting, ovvero identificare il tipo di dispositivo usato dall'utente per permettere attacchi informatici di phishing mirati, come quelli che hanno portato agli scandali del furto delle foto dei VIP.

Ermes, nato come spinoff del Politecnico di Torino, offre un sistema brevettato in grado di distinguere i tracker "buoni" da quelli "cattivi" e di bloccare completamente questi ultimi, così da proteggere le informazioni degli utenti.

Bloccando i tracker potenzialmente dannosi, Ermes consente anche un concreto risparmio di banda, considerando che la pubblicità online pesa per il 20% sul traffico web totale.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
L'Italia è il secondo Paese più colpito da Petya

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

{ice}
a parte che, se Petya si limita a criptare la MasterFileTable è possibile recuperare quasi tutto il contenuto dell'hard disk con software tipo OnTrack Per cui da questo puto di vista è meno pericoloso di un software che sovrascrive i file con la loro versione criptata. Detto questo a meno di ulteriori exploit, psexec per funzionare da... Leggi tutto
12-7-2017 07:49

Va a pensiero, il molti di mestiere e non, dicono: "se funziona non lo toccare" e disabilitano gli aggiornamenti completamente, dalla paura che un aggiornamento "rompa" qualcosa. Poi magari capitano questi virus che sfruttano falle già tappate da tempo e piangono magari dando la colpa ad altro, internet cattiva,... Leggi tutto
7-7-2017 17:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3436 voti)
Dicembre 2019
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Tutti gli Arretrati


web metrics