Muore perché guidava con l'iPhone, i parenti fanno causa a Apple

Avrebbe dovuto impedire l'uso dello smartphone durante la guida.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-08-2017]

iphone guida morto

Il caso risale al 2013, ma solo in questi giorni è arrivato a conclusione.

In quell'anno, un ventenne americano rimase vittima di un incidente mortale. Le indagini mostrarono che il giovane stava inviando messaggi mentre guidava il proprio scooter, e ciò aveva causato la distrazione fatale.

I famigliari decisero però di mettersi alla ricerca di un colpevole che non fosse la pessima pratica di usare lo smartphone mentre si guida, e lo individuarono in Apple.

Il ragionamento era questo: il ragazzo è morto a causa di un incidente; l'incidente è stato causato dal fatto che la vittima stava inviando messaggi con il telefonino; il telefonino era un iPhone; l'iPhone è prodotto da Apple; Apple avrebbe dovuto aver inserito nell'iPhone una specifica tecnologia, da essa stessa brevettata, per impedire di distrarsi mentre si guida.

Il brevetto in questione riguarda un sistema pensato per impedire l'uso dell'iPhone da parte dei guidatori.

Si basa su degli «analizzatori di movimento» e degli «analizzatori di paesaggio» per capire se ci si stia muovendo su un mezzo, e in tal caso bloccare lo smartphone. Seppur teorizzato, in quei termini uno strumento del genere non è mai sbarcato sugli iPhone, anche perché la sua efficacia non è certa.

Sondaggio
Il numero di multe per l'utilizzo di smartphone alla guida è aumentato del 18% nel primo semestre 2017. Il direttore del servizio di Polizia Stradale propone il ritiro della patente fin dalla prima infrazione, con una sospensione di un minimo di 15 giorni. Sei d'accordo?
No

Mostra i risultati (2331 voti)
Leggi i commenti (15)

Ciò nonostante, i famigliari del ragazzo ritengono che Apple avrebbe dovuto impiegare quella tecnologia sui propri prodotti, dato che l'ha brevettata, e che non avendolo fatto è stata responsabile della morte del ventenne.

Ci sono voluti quattro anni per dirimere la questione. Alla fine, il giudice ha dato ragione a Apple, ritenendo che il ragionamento portato dall'accusa non stia in piedi e non conduca ad alcuna responsabilità da parte dell'azienda di Cupertino.

Non solo: il giudice ha anche specificato che Apple non ha alcun dovere di sorvegliare l'eventuale comportamento irresponsabile di chi usa i prodotti da essa creati.

In ogni caso, non è la prima volta che Apple viene accusata di essere responsabile delle morti in strada che avvengono a causa delle distrazioni da smartphone.

Probabilmente anche per questo motivo, iOS 11 prevede una funzione chiamata Non disturbarmi mentre guido che, se attivata, blocca tutte le notifiche mentre il veicolo è in movimento e invia messaggi automatici di risposta in cui specifica che il guidatore è occupato e non può rispondere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

{ictuscano}
@ amldc ahahahah! :-)) ci manca solo che qualche marito faccia causa ai produttori di cellulari perché la moglie non usa la vibrazione nel modo corretto... dio, che imbecilli che popolano la terra, come volete facciamo a salvarci
5-9-2017 10:55

... e sono stati giustamente frustrati... Spero che almeno verranno condannati almeno al pagamento di tutte le spese processuali e, se fossi in Apple, intenterei pure una contro causa per diffamazione.
2-9-2017 18:26

{u009746}
I genitori hanno provato il colpaccio sulla morte del figlio non male
31-8-2017 19:11

La giusta selezione naturale. Darwin docet !!!!
31-8-2017 14:03

Al posto del giudice avrei pesantemente sanzionato i parenti per causa temeraria.
31-8-2017 06:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3674 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 giugno


web metrics