Il Galaxy Note 8 si fa ingannare da una foto

Basta un'immagine presa da Facebook per aggirare il riconoscimento facciale dell'ultimo phablet di Samsung.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-09-2017]

facial recognition galaxy note8

Quando ha lanciato il Galaxy Note 8, Samsung non ha risparmiato gli aggettivi nel sottolineare le caratteristiche innovative e uniche del proprio phablet, nato con il difficile compito di far dimenticare il fiasco del Galaxy Note 7.

A quanto pare, però, ha trascurato di risolvere un problema non esattamente secondario: fare in modo che il Galaxy Note 8 offrisse un riconoscimento facciale più sicuro del facilmente aggirabile riconoscimento dell'iride del Galaxy S8.

A scoprire la mancanza di progressi è stato Mel Tajon, uno sviluppatore web che non ha dovuto far altro che tenere l'uno di fronte all'altro due Note 8: il primo mostrava un selfie dell'utente, l'altro era in attesa di un volto per sbloccarsi.

È facile immaginare come sia andata a finire: il selfie è stato sufficiente a ingannare il phablet che, credendo di trovarsi di fronte a un volto dal vivo, ha aperto tutti i propri segreti.

Ulteriori indagini hanno permesso di scoprire che bastano immagini di bassa qualità, come quelle che quasi tutti postano sui social network, per ingannare il riconoscimento facciale del Note 8.

Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1112 voti)
Leggi i commenti (14)

Samsung per ora non ha rilasciato alcun commento in merito alla questione, ma il consiglio per gli utenti è evidente: se tenete alla vostra privacy, evitate di usare il sistema di riconoscimento facciale e affidatevi invece a una delle alternative (impronta digitale, scansione dell'iride, oppure il buon vecchio codice).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Galaxy Note 8, ricca dotazione a caro prezzo
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
iPhone 8, riconoscimento facciale a infrarossi
Scanner dell'iride sugli smartphone: scavalcabile anche a distanza
Galaxy S8, per ingannare la scansione dell'iride basta una foto

Commenti all'articolo (4)

Delle due l'una: o sono totalmente deficienti poiché una verifica del genere la potevano fare tranquillamente e rapidamente anche i progettisti di Samsung ed avrebbero immediatamente trovato il "buco", oppure lo fanno scientemente e con premeditazione ed allora sono proprio delinquenti.
9-9-2017 15:41

{queretaro}
@umby "...un dato biometrico, é rubato per sempre". Infatti tutti i produttori di smartphone (e qualcuno di computer) fanno a gara per accaparrarseli...
7-9-2017 14:35

Umby, prova a sciverlo in coreano :)
6-9-2017 18:38

{umby}
Come dissi altre volte: Una password si puó cambiare, un dato biometrico, é rubato per sempre! ... E si ostinano a non darmi retta!
6-9-2017 14:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1671 voti)
Settembre 2019
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Windows 10, errori nel patch Tuesday di agosto
Tutti gli Arretrati


web metrics