Bollette ogni quattro settimane, braccio di ferro di Agcom con i gestori

L'Autorità ordina di ritornare alla tariffazione mensile, ma gli operatori telefonici non ne vogliono sapere. E la tariffazione quadrisettimanale contagia anche le pay tv e altri settori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-09-2017]

agcom tariffe 4 settimane

All'inizio sono stati i gestori di telefonia mobile - Tim, Vodafone, Wind e 3 - a passare da un canone mensile a un canone ogni quattro settimane esatte, cioè 28 giorni, al fine di far pagare un canone in più all'anno ai clienti pur lasciando invariata la tariffa.

Poi anche i gestori di telefonia fissa e infine pure le varie pay Tv, come Sky e Mediaset, hanno comunicato ai propri clienti il passaggio a questa forma inedita e singolare di tariffazione. E adesso c'è il rischio che vengano "contagiati" anche altri settori come le utilities.

Per i gestori il nuovo sistema è legittimo anche perché la sua introduzione viene comunicata ai clienti inizialmente con semplici messaggini e poi, in seguito alle pressioni di Agcom, con lettere, email, pubblicità online e sui giornali.

Tutte queste forme non mancano di ricordare la possibilità, per i clienti che non gradiscono il nuovo sistema, di disdire gli abbonamenti senza oneri aggiuntivi. Una possibilità evidentemente solo teorica, visto che il canone a quattro settimane è ormai adottato da tutti.

Tim, viste le proteste delle associazioni dei consumatori circa il fatto che aumentando il numero delle bollette si aumentano anche le spese di spedizione e le spese postali o di commissioni bancarie per il pagamento, è addirittura ritornata alla fatturazione bimestrale («per venire incontro alla clientela») pur di adottare il sistema su 28 giorni.

Sondaggio
Qual č la cifra complessiva che spendi ogni mese per il tuo smartphone? Comprende tutto: telefonate, piano dati, Sms, rata telefono e via dicendo.
Sotto i 10 euro
Tra i 10 e i 20 euro
Tra i 20 e i 30 euro
Tra i 30 e i 50 euro
Tra i 50 e i 100 euro
Oltre i 100 euro
Non ne ho idea

Mostra i risultati (5334 voti)
Leggi i commenti (7)

Intanto però in Parlamento diverse forze politiche, dal PD al Movimento 5 Stelle, hanno presentato dei disegni di legge per obbligare i gestori telefonici a tornare alla tariffazione mensile.

In attesa che i legislatori decidano, dopo aver considerato la situazione e aver visto cadere gli inviti "amichevoli", l'Agcom ha emesso un'ordinanza che obbliga i gestori a tornare alla tariffazione tradizionale pena sanzioni, peraltro blande.

I gestori telefonici, tutti insieme e attraverso la loro associazione di categoria Asstel, hanno subito presentato un ricorso al Tar contro la decisione dell'Agcom, che ritengono lesiva della loro libertà di determinare le tariffe e che configurerebbe un ritorno al regime di tariffe controllate.

In realtà i gestori telefonici hanno il pieno diritto di aumentare le tariffe quando e di quanto credono, così come di diminuirle. Quello che non avrebbero dovuto fare era ricorrere a trucchi e a illusioni ottiche per raggirare il consumatore, cambiando perfino le unità di misura del tempo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

{asskicker}
Basta passare ad un operatore come Tiscali (è un es. non voglio fare pubblicità, se ne indicate altri ben venga!) che ancora fattura mensilmente; vedi come capiscono l'aria che tira!
26-9-2017 10:07

{akola}
Braccio di ferro? Braccio di cartapesta Agcom, lo chiamerei, contro braccio di ferro delle aziende. Ma che razza di Paese è mai questo? Siamo in balìa di politici attori teatrali e burocrati che remano contro i cittadini, e ci facciamo prendere per i fondelli da questi personaggi in cerca d'autore?
22-9-2017 21:55

A questo punto li obbligherei a pagare ai loro dipendenti lo stipendio ogni 28 giorni mantenendo il mensile attuale, vediamo se la capiscono... Oltre, ovviamente, a un bel multone ed alla restituzione del maltolto agli utenti con una bella maggiorazione ad indennizzo! :twisted:
22-9-2017 19:21

Le multe non vanno bene, perche': 1) l'utente paga di piu' (e l'azienda ci guadagna) 2) l'ente di controllo fa' una multa 3) l'azienda paga la multa all'ente Alla fine ci guadagnano tutti, tranne l'utente. Se un'azienda guadagna in modo illecito, deve rimborsare TUTTI gli utenti!. Solo cosi' il cerchio si chiude. Poi magari pagare... Leggi tutto
18-9-2017 17:53

Purtroppo le Authority italiane hanno le armi spuntate, vista l'entitā delle sanzioni che possono comminare. Proviamo a cambiare le norme ed a dar loro la possibilitā di elevare sanzioni che arrivino ai livelli europei, tipo quelle previste per il mancato rispetto del GDPR, il maggiore importo tra 20 milioni di Euro o 4% del fatturato,... Leggi tutto
18-9-2017 09:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Worm, virus, trojan horse, spyware, rootkit, dialer, hijacker. Chi li produce?
Smanettoni che vogliono provare la loro abilitā
Pirati informatici professionisti con lo scopo di trarne profitto
Gli stessi che poi fanno gli antivirus
Gruppi con finalitā politiche di destabilizzazione

Mostra i risultati (5320 voti)
Agosto 2022
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 agosto


web metrics