Twitter raddoppia: da 140 a 280 caratteri

Tweet più lunghi permetteranno di esprimersi con meno fatica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-09-2017]

twitter 280 caratteri

Periodicamente, Twitter sviluppa una certa dose di insofferenza verso sé stesso o, almeno, verso la propria caratteristica maggiormente distintiva: il limite di 140 caratteri per tweet.

Introdotto quando gli Sms (che avevano a disposizione 160 caratteri) erano la modalità di comunicazione scritta d'elezione per i possessori di cellulari, a mano a mano che passa il tempo viene sempre più percepito come un'inutile retaggio del passato.

Chi lo attacca sostiene che spaventa i nuovi utenti, costringendoli a conformarsi a una regola scomoda e antiquata. Quelli che ancora lo difendono sostengono invece che è importante, perché obbliga alla brevità.

Chi risiede ai piani alti di Twitter probabilmente è d'accordo con i primi: con un post sul blog ufficiale ha preso infatti il via una sperimentazione che consente di scrivere tweet sino a 280 caratteri, ossia lunghi il doppio rispetto a quanto si possa fare ora.

Il nuovo limite non è stato scelto a caso: pare infatti che sia l'ideale per chi si scrive in inglese, che con soli 140 caratteri si ritrova troppo limitato mentre con 280 dovrebbe riuscire a esprimere compiutamente il proprio pensiero senza il rischio di "sbrodolare" e produrre tweet troppo lunghi, come l'abolizione completa del limite avrebbe permesso.-

Sondaggio
Per cosa soprattutto ti sono utili i social media, sul lavoro?
Per prendermi una pausa dal lavoro
Per comunicare con gli amici e la famiglia mentre sono al lavoro
Per comunicare con i miei contatti professionali
Per trovare informazioni che mi aiutino a risolvere problemi di lavoro
Per costruire o rinforzare relazioni personali con i colleghi o i miei contatti di lavoro
Per scoprire cose sulle persone con cui lavoro
Per porre domande relative al lavoro a persone fuori dalla mia azienda
Per porre domande relative al lavoro a persone dentro la mia azienda

Mostra i risultati (447 voti)
Leggi i commenti (10)

A questa conclusione Twitter è giunto dopo aver osservato che per certe lingue 140 caratteri sono sin troppi, mentre per altre non sono abbastanza.

L'inglese, come abbiamo visto, è tra le seconde, e infatti il 9% di tutti i tweet in inglese raggiunge il limite. Tra le prime c'è invece il giapponese: solo lo 0,4% dei tweet in questa lingua raggiunge il limite.

Ciò accade perché chi si esprime in giapponese ha bisogno di meno caratteri rispetto a chi si esprime in inglese per veicolare la medesima quantità di informazione.

Forte di questa osservazione, Twitter sta quindi pensando di abolire il limite dei 140 caratteri per tutte le lingue meno il cinese, il giapponese e il coreano, per le quali non è necessario.

Per ora, l'accrescimento del limite a 280 caratteri è disponibile soltanto per un numero ristretto di utenti; un'eventuale sua diffusione sarà decisa in base ai risultati dei primi esperimenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Twitter abolisce ufficialmente il limite dei 140 caratteri
Twitter, una tweetstorm per superare i 140 caratteri
Twitter, foto e citazioni diventano gratis
Twitter, addio al limite dei 140 caratteri
Twitter dice addio al limite dei 140 caratteri
Twitter lancia il retweet con commento

Commenti all'articolo (2)

Ciao! Ma non vi sembra che in questo modo Twitter si snaturalizzi? Nel senso, Ŕ diventato celebre per i 140 caratteri, mi pare strano questo cambio di rotta, che ne dite?
6-10-2017 10:57

Premesso che non ho mai utilizzato Twitter mi sembra comunque sensato, una volta deciso che il limite attuale va rivisto, mantenere una limitazione per evitare inutili e, a volte, incomprensibili o eccessivi "sbrodolamenti".
2-10-2017 19:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1235 voti)
Aprile 2020
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Tutti gli Arretrati


web metrics